facebook rss

Zanetti: «Cinque occasioni per chiuderla»
Scamacca out per tre gare

SERIE B - L'attaccante ha una distrazione lieve all’adduttore rimediata con l'Under 21. L'allenatore: «Ho messo in campo la squadra più tecnica che potevo. Voglio che tutti giochino la palla»

Zanetti subito dopo Ascoli-Livorno

di Claudio Romanucci

Col fiatone di troppo, nonostante un secondo tempo costellato di chance sprecate, l’Ascoli allunga. Butta giù il Livorno (ancora a secco di gol dopo tre turni) e si gode la buona partenza nonostante due assenze pesanti, quelle di Scamacca (acciaccato) e Da Cruz (al secondo e ultimo turno di squalifica).

Il tecnico Paolo Zanetti parte nell’analisi post gara dai tanti cambi apportati in tutti i reparti: «Ho utilizzato tre formazioni diverse perché attingo dalle risorse del gruppo. Oggi ho messo dentro Piccinocchi perché mi serviva filtro a centrocampo, era importante secondo me giocare la palla. Abbiamo avuto il demerito di non chiudere la gara dopo 4-5 occasioni nella ripresa: sarebbe stato un delitto pareggiarla per quello che avevamo fatto. E’ anche vero che Lanni ci ha salvato: dobbiamo ancora crescere, le partite non sono mai chiuse. I nuovi devono integrarsi giocando, non voglio che ci siano gerarchie prestabilite piuttosto mi aspetto che le risposte arrivino dal campo. Chiedo ai miei giocatori di giocare la palla, anche al portiere. Per diventare una squadra di livello bisogna che lo facciano tutti».

Su Ninkovic: «Sono molto contento della sua predisposizione al sacrificio così come di altri elementi: ha svoltato anche in fase di non possesso. Se unisce quantità a qualità…».

Brutte notizie invece su Scamacca. «Non ha niente di gravissimo però ha qualcosa, non lo avremo per almeno 15 giorni – afferma Zanetti – faremo di tutto per recuperarlo per Cremona. Ha una distrazione all’adduttore, di pochi millimetri, ma c’è».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X