facebook rss

Da Cruz: «Minimo i playoff»
Pucino: «Che strigliata il mister!»
Leali: «Bravi e fortunati»

SERIE B - L'attaccante e la doppietta: «Nell'intervallo il mister è stato molto chiaro». Del difensore il 5° gol su punizione: «Ringrazio Ninkovic e gli altri che mi hanno fatto calciare». Il portiere: «Sull'1-2 abbiamo tenuto bene la gara»
sabato 21 Settembre 2019 - Ore 18:57
Print Friendly, PDF & Email

Da Cruz intervistato subito dopo il fischio finale

Alessio Sergio Fernando Da Cruz torna in campo dopo due turni di forzato stop causa squalifica e spiana la strada di un successo con pochi precedenti. Cinque gol fuori casa, in serie B, l’Ascoli li aveva segnati al “Matusa” vecchio stadio di Frosinone (1-5) con Bernacci, Antenucci e Sommese. E Bepi Pillon in panchina. Per l’olandese Da Cruz, preferito da Zanetti al capitano Ardemagni, quella di Castellammare é la seconda doppietta in Italia. La prima l’aveva realizzata proprio contro l’Ascoli al Del Duca quando giocava con il Novara. «Sono molto contento per questi gol. Nel primo tempo abbiamo sofferto il gioco della Juve Stabia ma nel secondo siamo usciti fuori. Per l’Ascoli é una vittoria importante e meritata. Sono contento per me, per la squadra, per il mister e i tifosi. Contento per tutti» dice Da Cruz. A caldo, subito il fischio di chiusura, con un italiano poco comprensibile. «Negli spogliatoi, all’intervallo, il mister è stato molto chiaro e siamo tornati in campo determinati – aggiunge l’attaccante olandese – abbiamo confermato di essere una buona squadra. Il traguardo? I playoff come minimo. Per la promozione ci siamo anche noi».

Pucino a fine partita

Il sole di settembre sul golfo stabiese illumina lo scatto dell’Ascoli. Il primo blitz stagionale in trasferta disegna un avvio di stagione finalmente fruttifero: 9 punti in 4 gare e terzo posto. Non è certo il tempo dei conti ma l’aria d’alta classifica è sempre salutare. Pucino, autore del quinto gol. «Il mister ci ha dato una svegliata a fine primo tempo: avevano interpretato male la partita con tanti errori stupidi. Ci è servita. Nella ripresa – dice il difensore che ha segnato su calcio di punizione – siamo entrati con un’altra mentalità. Credo comunque che la Juve Stabia ha buone individualità e cerca di giocare. Il gol finale dell’1-5 nasce dalla scelta di farmi tirare, ringrazio Ninkovic e coloro che me l’hanno permesso. Non siamo ancora a cento per cento, abbiamo ampi margini di miglioramento».

Al debutto in bianconero il portiere Leali: «Siamo stati bravi e fortunati a difenderci, poi sull’1-2 siamo stati attenti a tenere la partita in una fase in cui il pubblico spingeva e la Juve Stabia veniva su».

Da Cruz e Leali commentano il match

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X