facebook rss

Ascoli, il veterano Troiano: «Siamo partiti bene
ma il bello deve ancora venire»

SERIE B - L'esperto centrocampista bianconero: «Siamo felici per il primo posto, ma non abbiamo fatto ancora niente. Lunedì a Cremona ci aspetta una partita molto difficile. L'unione del gruppo é la nostra forza. Chi mi sorprende di più? In questo momento Da Cruz, ha doti straordinarie. Ninkovic? E' importante per l'Ascoli»

Il gol segnato da Troiano a Frosinone

di Bruno Ferretti

«L’Ascoli? Il bello deve ancora venir». Se lo dice Michele Troiano, dall’alto della sua indiscutibile esperienza, bisogna crederci. Il centrocampista, brianzolo di Desio, a 34 anni e mezzo sta disputando il suo 15° campionato di Serie B e conosce come pochi altri la categoria.
Prodigo di consigli ai colleghi più giovani, si rende utile in ogni modo alla squadra, anche quando non gioca. Una sorta di fratello maggiore, ma anche un esempio da seguire per i più giovani.

Troiano, che aria tira in casa Ascoli?
«Abbiamo un’ottima squadra che può e deve migliorare. C’è un giusto mix di giovani dalle grandi possibilità e di giocatori più esperti. Grazie soprattutto a mister Zanetti si è creato un bel gruppo. Affiatato. E questo è fondamentale. In campo tutti si aiutano, tutti si sacrificano per i compagni, e vi assicuro che questo è lo spirito necessario per raggiungere certi traguardi».

Dove può arrivare questa squadra?
«Mi auguro molto lontano ma siamo appena agli inizi e la strada da percorrere é tanta. Il primo posto in classifica dopo cinque giornate ci riempie di soddisfazione ma non significa niente. I conti si fanno alla fine».

Verissimo. Ma l’Ascoli sembra avere tutti i mezzi per superare le difficoltà e durare a lungo…
«Sicuramente abbiamo un’ottima squadra ma é fondamentale restare con i piedi per terra, in umiltà. Leggere Ascoli in vetta alla classifica ci procura un piacevole effetto ma… non abbiamo fatto ancora niente».

Chi è il compagno di squadra che la sta sorprendendo di più?
«In questa momento Da Cruz. É molto giovane e possiede doti straordinarie ma deve mantenere un profilo basso. Glielo ripeto sempre, per il suo bene».

Quest’anno anche Ninkovic sembra più sereno. Contro lo Spezia ha accettato senza drammi la sostituzione…
«Nikola è un ragazzo con grande cuore, nonché un calciatore di notevole qualità. Parlo spesso con lui e vi assicuro che è sereno. In passato qualche volta ha mostrato malessere perché é uno che vorrebbe sempre vincere, anche nelle partitelle che disputiamo fra noi. Ninkovic è un giocatore di valore e importante per l’Ascoli».

A centrocampo siete davvero tanti.
«Una sana concorrenza fa bene alla squadra perché porta motivazioni e voglia di migliorarsi. Per ogni ruolo ci sono due alternative, poi spetta al mister fare le scelte in base allo stato di forma e alle caratteristiche dell’avversario, nonché al tipo di partita che vogliamo giocare. Lui é molto bravo nella rotazione dei calciatori e tutti si sentono più coinvolti. É fondamentale l’unione del gruppo».

Troiano, che partita si aspetta lunedì a Cremona?
«Partita difficile contro una squadra che non è partita benissimo ma ha notevole potenzialità e voglia di riscatto. La Cremonese contro l’Ascoli capolista ce la metterà tutta per rilanciarsi. Come il Frosinone è un po’ indietro rispetto alle previsioni ma siamo appena agli inizi e può recuperare. A Cremona dovremo giocare con grande concentrazione».

Lasciando da parte l’Ascoli quali sono le squadre più forti?
«Empoli e Benevento finora hanno fatto i risultati migliori ma, ripeto, é ancora presto per fare certe valutazioni».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X