facebook rss

«Un solo punto nascita
per Ascoli e San Benedetto»
L’auspicio di Milani e Ruffini

SANITA' - I direttori di Area Vasta 5 e di Pediatria precisano che al momento non c’è questo rischio, ma non hanno dubbi: «Ai reparti del “Mazzoni” e del “Madonna del Soccorso” mancano mezzi e medici, sarebbero da accorpare già domani. Alzeremo un vespaio? Speriamo invece in una risposta matura»

Cirillo Cappelli, Michele Rosati, Ermanno Ruffini e Fernando Manes

«I punti nascita del “Mazzoni” di Ascoli e del “Madonna del Soccorso” di San Benedetto sono in affanno. Mancano mezzi e medici. Se fosse per me, li accorperei già domani mattina». Con queste parole lapidarie Cesare Milani risponde sulla possibile chiusura di uno dei due reparti. Il direttore di Area Vasta 5 precisa di non voler creare allarmismi inutili e che al momento non ci sono i presupposti per uno smantellamento «poiché nessuno dei due ospedali è sceso al di sotto delle 500 nascite l’anno».

Il primario Ruffini e il direttore generale di AV5 Milani

«Ascoli nel 2018 ne ha sfiorate 600 e San Benedetto 800», conferma Ermanno Ruffini, direttore dell’Uoc di Pediatria. «Ciò nonostante la situazione è critica», ribadiscono i due dirigenti. «Avere un unico complesso che può arrivare a 1.400 nascite  -incalza Milani- significherebbe innalzare di molto il livello dei servizi, oltre ad evitare che i primari debbano dividersi tra la costa e il capoluogo di provincia, con tutti i disagi che ne conseguono». Sia Ruffini che  Andrea Chiari, direttore di ginecologia e ostetricia, ricoprono l’incarico per tutti e due gli ospedali. «Riunirli sotto lo stesso tetto sarebbe l’ideale dal punto di vista tecnico e di efficacia delle prestazioni. Sul piano politico si alzerà un vespaio? L’auspicio invece è di avere una risposta matura».

«La mancanza di medici non riguarda soltanto le Marche -sottolinea Ruffini-  anche al nord i reparti chiudono, salvo fare ricorso a medici in pensione o che vengono dall’estero. Durante l’estate, i nostri pediatri hanno fatto un tour de force anche per integrare il servizio al “Murri” di Fermo, rimasto con solo 3 pediatri. Con il nostro personale copriamo le due strutture, ma siamo al limite. E’ sufficiente un imprevisto, come l’assenza non programmata di un medico, per rendere critica una situazione difficile».

M.N.G.

Il dono dei Lions: una biblioteca virtuale per i piccoli pazienti degli ospedali piceni


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X