facebook rss

Dicembre uguale buona musica
Dal live senza luci al memorial Carlo Cava
La regina è la lirica

ASCOLI - Una programmazione intensa tra atmosfere natalizie ed eventi di spessore. Si comincia l'11 dicembre al foyer del Ventidio con l'incontro tra la pianista Emanuela Antolini e Antonio Attorre di Slow Food. Poi il concerto al buio di Maria Vittoria Tranquilli, il dialogo Sganga-Gentile e il Concerto di Capodanno. L'omaggio del Filarmonici al grande basso

La presentazione del cartellone concertistico dicembrino

di Luca Capponi 

Un mese di dicembre tutto da vivere. Atmosfera natalizia e non solo. Tanti concerti, e tutti interessanti, che vantano come comune denominatore la lirica, con l’ideale apice del Concerto di Capodanno del 1 gennaio, quest’anno particolarmente scoppiettante. E poi un live “al buio” e il memorial dedicato al grande basso Carlo Cava, passando per lo sfizioso abbinamento tra note e cibo. Ma andiamo con ordine.

Emanuela Antolini (foto Vagnoni)

A presentare questa “maratona” della buona musica è l’assessore alla cultura Donatella Ferretti, che sottolinea «l’alto profilo delle proposte, tutte frutto dell’iniziativa di realtà consolidate». Il sindaco Marco Fioravanti, invece, nota «fermento e voglia di cultura, si respira entusiasmo, fondamentale per affrontare un nuovo anno, il 2020, con la spinta necessaria per riportare fiducia e slancio».
Seguendo l’ordine cronologico, la serie di eventi prende il via l’11 dicembre alle 18 presso il foyer del teatro Ventidio Basso, dove ascolipicenofestival proporrà un appuntamento organizzato in tandem con Slow Food, ad ingresso libero. Un incontro tra il pianoforte di Emanuela Antolini e le parole di Antonio Attorre, docente, giornalista e scrittore oltre che collaboratore storico dell’associazione internazionale che mette al centro la cultura del buon cibo. Un dialogo sui generis tra il post minimalismo di Dustin O’Halloren e il “Manifesto di Slow Food”, comparso sul Gambero Rosso nel lontano 1987.

Michele Sganga

A seguire, il 13 dicembre alle 17,30, sempre presso il ridotto del Ventidio, la pianista non vedente Maria Vittoria Tranquilli darà vita a “Light for Christmas”. Luci assenti e udito puntato sui brani che la talentuosa musicista proporrà al pubblico, da Chopin e Ravel fino ai classici del Natale, «per avvicinarli alla mia condizione e per guardare il mondo con occhi “altri”, per afferrare una luce che è speranza, fede, amore». Nella scaletta del concerto, che vanta l’appoggio del Lions Host e dell’Unione Italiana Ciechi, anche l’inedito composto da Maria Vittoria, “E’ stato un attimo”.
L’associazione “Cultural-mente Insieme” presieduta da Francesca Filauri, invece, proporrà il suo happening conclusivo il 14 dicembre alle 17, di nuovo al foyer, con protagonisti il piano di Michele Sganga, le musiche di Chopin, Rachmaninov e Liszt, il maestro Ada Gentile e le letture di Donatella Ferretti. Ma l’associazione scalda già i motori in vista del nuovo anno, con l’arrivo di ospiti quali Nicola Porro, Sandro Veronesi, Elisabetta Sgarbi e con la conferma de “La Milanesiana” in estate.

Il baritono Vittorio Vitelli

Si deve agli amici del grande Carlo Cava una delle novità della programmazione. Il memorial dedicato al cantante scomparso nel settembre del 2018 a 90 anni, astro internazionale della lirica, si terrà il 20 dicembre al Filarmonici (inizio alle 21,15, ingresso libero) grazie alla spinta del baritono Vittorio Vitelli, sul palco insieme a Cesare Catani (il tenore sarà nelle inedite vesti di pianista), al soprano Iano Tamar, al Coro del Teatro Ventidio Basso diretto da Giovanni Farina e al basso Mirco Palazzi, a cui andrà il premio speciale di questa prima edizione. Repertorio di Verdi all’ordine del giorno, dato che caratteristica di Cava era proprio quella di avere una (rarissima) voce predisposta al verdiano.
Proprio il Coro del Ventidio, presieduto da Pietro Di Pietro, sarà al centro del Concerto di Capodanno; obiettivo, (ri)portare gli ascolani nel Massimo in occasione del tradizionale evento, anche sulla scia dei consensi che sta riscuotendo la stagione lirica. Due parti, una dedicata a Rossini ed una al melodramma, con la scaletta che a breve verrà diffusa sui social ed in biglietteria, direzione di Alfredo Sorichetti e solisti come Giacinta Nicotra (soprano), Gian Luca Pasolini (tenore), Gianpiero Ruggeri (baritono) ed il Coro a confermare quanto di buono fatto negli anni, fatto corroborato dall’ennesima partecipazione al prossimo Rossini Opera Festival.

Il Coro Ventidio Basso

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X