facebook rss

Non è reato mettere la foto
della futura Miss Italia
sulla copertina di una rivista a luci rosse

ASCOLI - Carlotta Maggiorana era finita, a sua insaputa, su una pubblicazione per incontri sessuali. Il giudice ha assolto entrambi gli imputati per i quali l'accusa aveva chiesto una condanna ad otto mesi

Carlotta Maggiorana

Non è reato prendere una foto, presumibilmente da Facebook, di quella che poi sarebbe diventata addirittura Miss Italia 2018 (leggi l’articolo) per pubblicarla su una rivista di annunci per incontri a luci rosse con il numero di un’altra donna. E’ quello che ha stabilito il giudice del tribunale di Ascoli, Matteo Di Battista, per la vicenda, risalente al 2015, in cui era finita (inconsapevolmente) la fotomodella Carlotta Maggiorana, originaria del fermano ma residente a Cupra Marittima. A processo erano finiti il direttore della rivista e una donna straniera. Nel corso dell’udienza di stamattina, è stato ascoltato un testimone che ha di fatto alleggerito la posizione dei due imputati. Per l’uomo è emerso che il direttore responsabile non era lui, ma la madre. Mentre nel caso della donna è venuto fuori che il suo numero di telefono era stato inserito sotto l’effige della Maggiorana. Il pubblico ministero Olga Anastasi aveva chiesto una condanna ad otto mesi per entrambi. Il giudice però li ha assolti: il direttore per non aver commesso il fatto, la donna in base al secondo comma dell’articolo 530 del codice penale (prove insufficienti).

rp

La foto dell’ ex Miss Italia pubblicata sulla copertina della rivista a luci rosse, in due finiscono a processo


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X