facebook rss

Fedeli e il rinnovo di Di Massimo:
«Ci stiamo lavorando
ma il ragazzo e il suo procuratore
hanno un debito di riconoscenza
nei miei confronti»

SERIE C - Il presidente: «L'ho sempre tutelato soprattutto nei momenti più difficili. Quando tutti lo contestavano, soltanto io l'ho difeso». Montero: «Sono contento per la vittoria ma dovevamo chiudere prima la partita». La soddisfazione di Carillo: «Abbiamo disputato un gran primo tempo, i punti persi per strada ce li riprenderemo in futuro»

Il presidente Franco Fedeli (Foto Cicchini)

di Benedetto Marinangeli

Successo importante della Samb che conferma il suo trend positivo al Riviera delle Palme centrando la terza vittoria consecutiva dopo quelle con Rimini e Feralpisalò.  Franco Fedeli commenta così il 2-0 rifilato al Gubbio.

Di Massimo ha calciato e la palla sta per entrare in rete: è l’1-0 (Foto Cicchini)

«Molto bene Gemignani e anche Di Massimo, infatti quando è uscito la Samb si è spenta. Samb sprecona? Sì, abbiamo sbagliato dei gol ma alla fine è andata bene, nel primo tempo una squadra che mi è piaciuta moltissimo mentre nel secondo tempo meno perché abbiamo sprecato moltissimo. Sono contento anche per il gol di Di Massimo. Il rinnovo? Ci stiamo lavorando. Ma il ragazzo ed il suo procuratore hanno un debito di riconoscenza nei miei confronti perché io l’ho sempre tutelato nei momenti più difficili. Quando tutti lo contestavano soltanto io l’ho difeso. Ho sempre creduto in lui».

Paolo Montero (Foto Cicchini)

«Sono felice per la vittoria – è Paolo Montero che parla – ma sono convinto che dovevamo chiuderla prima altrimenti si soffre troppo. Abbiamo comunque meritato la vittoria per la prestazione fatta, ma dobbiamo migliorarci nella fase realizzativa. Anche oggi abbiamo fallito diverse occasioni e non deve succedere più. Di Massimo? È uscito per precauzione, non volevo rischiarlo perché ha accusato un affaticamento muscolare. Importante è stato anche il ritorno al gol di Cernigoi. Ora andremo a Carpi consapevoli di affrontare una squadra forte. Ma anche la Samb lo è e quindi ce la giocheremo alla pari».

Carillo (Foto Cicchini)

Ancora una buona prestazione di Luigi Carillo. «Sono a disposizione della squadra – analizza il centrale rossoblù – e quello che viene va bene. Sto riuscendo ad avere continuità e sono contento di essere alla Samb perché si respira un’aria da categorie superiori. Rigore per il Gubbio? Forse Biondi l’ha toccata e per questo loro hanno protestato ma sinceramente il braccio mi sembrava vicino al corpo. Nel secondo tempo ci siamo abbassati ma è fisiologico in queste partite: quello che potevamo fare meglio era chiuderla prima, abbiamo comunque fatto un gran primo tempo. Il campionato non è ancora deciso. Sono convinto che i punti persi per strada ce li riprenderemo con la forza. Il nostro obiettivo è ora quello di andare avanti di partita in partita. A Carpi ce la giocheremo alla pari contro una formazione molto forte».

La delusione è dipinta sul viso del tecnico del Gubbio Vincenzo Torrente. «Effettivamente – dice – abbiamo accusato un’involuzione rispetto alle ultime due partite. Il riogre era netto ma anche se eravamo ancora sull’ 1-0 per la Samb non avrebbe modificato l’andamento della partita. Abbiamo giocato decisamente al di sotto delle nostre potenzialità ed i rossoblù ci hanno punito».

Di Massimo-Cernigoi bum bum e la Samb liquida il Gubbio: 2-0 (Fotogallery)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X