facebook rss

“Costantino nel cuore”
in archivio con successo:
Teatro Ventidio Basso come uno stadio

ASCOLI - Successo dell'evento 2019 dedicato al Presidentissimo nel 25esimo della scomparsa. Le testimonianze di tanti ex. Nel Massimo cittadino presenti quasi 700 persone. Serata in beneficenza: devoluti 410 euro alla società "Picena non vedenti"

I presentatori Bruno Ferretti e Sandro Avigliano e il vice sindaco Gianni Silvestri con il Premio Rozzi 2019 (Foto Vagnoni)

L’evento “Costantino nel cuore”, va in archivio con un bilancio assolutamente positivo. Il ricordo affettuoso del Presidentissimo Costantino Rozzi nel venticinquennale della scomparsa. Al Teatro Ventidio Basso, presenti quasi 700 persone, é stata una manifestazione di struggente nostalgia con tanti ex bianconeri e rappresentanti della tifoseria di ieri e di oggi che hanno esposto striscioni e lanciato cori trasformando, a tratti,  il teatro in una curva dello stadio. Segno di un affetto mai venuto meno.

L’intervento di Orlando Nardi, accanto a lui Flavio Destro (Foto Vagnoni)

La serata è stata condotta dal giornalista Bruno Ferretti, che ha professionalmente vissuto quasi tutti i 26 anni della presidenza Rozzi, e dallo showman Sandro Avigliano, insieme all’assessore comunale allo sport Nico Stallone, anche lui ex bianconero prima come calciatore e poi come tecnico, il quale si è particolarmente impegnato nell’organizzazione dell’evento, assai ben riuscito.

Ardemagni e Scamacca hanno risposto presente (Foto Vagnoni)

Sul palco, dopo i saluti del sindaco Marco Fioravanti e del vescovo Giovanni D’Ercole, sono intervenuti con le loro testimonianze il notaio Nazzareno Cappelli (ex sindaco ed ex presidente dell’Ascoli nel primo dopo Rozzi), l’imprenditore Battista Faraotti titolare della Fainplast primo sponsor dell’Ascoli. Alcuni ex hanno ricordato Rozzi con simpatici aneddoti. Tra questi, i veterani Orlando Nardi e Ivo Micucci, Massimo Silva, Massimo Cacciatori, Flavio Destro, Giuliano Castoldi, Giuseppe Carillo, Gilberto Vallesi, Mauro Traini e altri.

I figli e i nipoti di Costantino Rozzi

Il Premio Rozzi 2019 (una ceramica realizzata dall’artista ascolana Monia Vallesi, che è anche assessore comunale agli eventi) é stato assegnato dall’associazione “AscolTiAmo” alla famiglia Rozzi, in omaggio a Costantino. C’erano i quattro figli Fabrizio, Anna Maria, Antonella e Alessandra e i nipoti. Sullo schermo sono state proiettate immagini del Presidentissimo, da quelle tristi del suo funerale (fu un grande lutto per tutta la città) a quelle festose ed esaltanti allo stadio, a quelle divertenti nelle trasmissioni televisive dove Rozzi – con la sua proverbiale schiettezza e contagiosa simpatia – era diventato una vera star. Immagini video selezionate e montate dalla “Xentek”, società ascolana di produzioni televisive. Molto apprezzato anche il video finale realizzato dal tifoso Graziano Morganti.

L’intervento di Battista Faraotti (Foto Vagnoni)

La serata ha avuto anche una finalità benefica. Il ricavato delle offerte (410 euro) é stato infatti devoluto alla società sportiva “Picena non vedenti”, guidata dall’allenatore-manager Giovanni Palumbieri. La somma sarà utilizzata per finanziare, a gennaio, la trasferta a Enna nel campionato di Torball.

Gradite testimonianze sono state portate da alcuni giornalisti presenti sul palco: Peppe Ercoli autore del documentario video “L’Ascoli di Costantino Rozzi”, Marco Amabili laureato in Scienze della comunicazione all’Università di Macerata con una tesi su Rozzi, Serafino Galli e Armando Falcioni radiocronisti di Latte&Miele, Giorgio Aquilanti “intervistatore ufficiale” di Costantino ai tempi di Tva Telecentro. Non ultima Marcella Rossi Spadea, autrice della biografia di Rozzi nel 1986, veterana delle giornaliste ascolane.

La delegazione dell’Ascoli Calcio di oggi ha chiuso la piacevole serata. Sono intervenuti sul palco il presidente Carlo Neri, i soci azionisti ascolani Giuliano Tosti e Gianluca Ciccoianni, il direttore sportivo Antonio Tesoro, l’allenatore Paolo Zanetti, il capitano Matteo Ardemagni, il bomber Gianluca Scamacca e Raffaele Pucino. Applausi per tutti.

Il presidente dell’Ascoli Calcio, Carlo Neri (Foto Vagnoni)

Il sindaco Marco Fioravanti (Foto Vagnoni)

Il vescovo Giovanni D’Ercole (Foto Vagnoni)

L’assessore Nico Stallone tra Bruno Ferretti e Sandro Avigliano (Foto Vagnoni)

In 600 al Ventidio Basso per il Presidentissimo Alla famiglia Rozzi il premio del Venticinquennale (Tutte le foto)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X