facebook rss

Preso con mezzo etto di coca,
al processo si attende
il testimone chiave

ASCOLI - La sostanza stupefacente doveva servire a rifornire la "piazza" di San Benedetto. Nei guai è finito un albanese residente nel Fermano

Oltre 50 grammi di cocaina da spacciare sulla piazza di San Benedetto insieme ad altre cessioni minori (da un grammo l’una) nel Fermano dove risiedeva.

L’interno del Tribunale di Ascoli (Foto Vagnoni)

Per questo motivo è finito a processo un albanese residente a Porto San Giorgio (Fermo) per i fatti risalenti addirittura al 2010. In base alla ricostruzione dell’accusa, la droga sarebbe stata ceduta dallo straniero a un sambenedettese che poi a sua volta avrebbe dovuta distribuirla ai “consumatori” finali. Nelle altre due circostanze, invece, lo stupefacente era stato ceduto, in un caso, a titolo gratuito mentre in un’occasione previo il pagamento di 60 euro per un grammo. L’ultima udienza di fronte al giudice del Tribunale di Ascoli Pietro Merletti si è risolta in un nulla di fatto poiché non era presente il testimone chiave da ascoltare in quanto detenuto agli arresti domiciliari. E così tutto è stato rinviato al prossimo 8 gennaio.

rp


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X