facebook rss

Marche 2020, Piero Celani:
«Acquaroli è il candidato migliore»,
Trenta: «Castelli si candidi nel collegio»

ASCOLI - Gli azzurri ascolani a sostegno della candidatura del deputato di Potenza Picena scelto da Giorgia Meloni. Alessio Pagliacci: «Tutti uniti per conquistare la Regione»

Piero Celani (Foto Vagnoni)

«Complimenti a Francesco Acquaroli». E’ il commento a caldo del vice presidente del Consiglio regionale, Piero Celani, dopo l’investitura del deputato di Fratelli d’Italia di Potenza Picena a candidato presidente in vista delle elezioni regionali del 2020 (leggi l’articolo). Acquaroli ha vinto il “derby” con l’ex sindaco ascolano Guido Castelli da qualche mese passato da Forza Italia a Fratelli d’Italia.

«E’ la la figura più giusta per rendere coesa la coalizione del centrodestra in questa battaglia per conquistare la Regione Marche – continua Celani pronto a ricandidarsi anche lui per Palazzo Raffaello – Inoltre è anche la migliore sotto i profili politici e amministrativi: si tratta di una persona capace e con esperienza. E’ deputato, è stato sindaco e anche consigliere regionale». I berlusconiani ascolani sono pronti a sostenere ora la nomination dell’esponente politico maceratese già candidato presidente nel 2015.

«Il centrodestra – commenta Alessio Pagliacci, capogruppo consiliare di Forza Popolare, vice presidente nazionale dei Giovani di Forza Italia nonché commissario del Lazio – ha scelto una persona competente che ha fatto la gavetta dal basso e che sono sicuro riuscirà a conquistare la Regione. La scelta ci soddisfa e rispecchia l’accordo fatto a livello nazionale dal presidente Berlusconi (agli azzurri sono andate Campania e Calabria, ndr). Ora mi aspetto che tutti (il riferimento forse è proprio a Castelli, ndr) lavorino per questa sfida epocale: portare il centro destra al governo delle Marche».

Anche l’ex consigliere regionale Umberto Trenta (Forza Italia) auspica liste forti a livello territoriale: «E’ giusto – dice – che Castelli, che in passato ha ottenuto 10.000 preferenze nel collegio e un consenso del 58/60% da sindaco si candidi alle regionali per dare il suo valore aggiunto al territorio e perché sarebbe l’unico con chance di essere eletto. Inoltre è stato il miglior sindaco ascolano degli ultimi 50 anni. La sua discesa in campo permetterebbe di non disperdere i voti verso altri candidati in considerazione anche dei recenti movimenti di esponenti civici verso i partiti che destano qualche sospetto». La candidatura di Castelli non sembra comunque essere scontata visto che per lui ci sarebbe pronto un seggio in Parlamento, sempre nelle fila di Fratelli d’Italia.

rp

Marche 2020, Fratelli d’Italia annuncia: «Sarà Francesco Acquaroli il candidato del centrodestra»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X