facebook rss

Da locale di culto
a fucina di racconti
Il Brevevita sale sul palco

MONTEPRANDONE - Giovedì 9 gennaio al centro "Pacetti" serata speciale con Natalino Capriotti e due band che sonorizzeranno le sue "letters": Kobayashi ed Esterina. La storia del luogo che ha riunito per anni tanti appassionati di musica

Al centro, Natalino Capriotti

Il Brevevita esiste dal 31 marzo 2007, dapprima sotto forma di locale-cult in cui si raggruppavano appassionati di musica (da lì sono passati tanti artisti del circuito cosiddetto all’epoca “alternativo”, uno su tutti Brunori Sas), e poi come firma autrice di racconti dal taglio fortemente popolare. E’ proprio alla luce di questi racconti, spesso incentrati sul vivere quotidiano, che l’associazione culturale “Blow Up” ha pensato a una serata con le Brevevita Letters.
Nata all’inizio come una semplice intervista con, tra gli altri, il poliedrico deus ex machina Natalino Capriotti, dopodiché, in collaborazione con i Kobayashi e con Fabio Angeli degli Esterina, due band toscane, è venuta fuori l’idea di sonorizzare 8 racconti. Dopo un lavoro durato alcuni mesi, giovedì 9 gennaio alle  21,30 le Brevevita Letters verranno proposte dal vivo all’Auditorium del Centro Pacetti.
L’ingresso è gratuito con tessera dell’associazione culturale Blow Up, sottoscrivibile all’entrata.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X