facebook rss

Ascoli, 60 anni fa il salto in C
per meriti sportivi e grazie
al campo sportivo “Squarcia”

CALCIO - Nella stagione 1959-1960 la Del Duca fu ammessa in terza serie con la riforma dei campionati. L'impianto era idoneo e già si stava costruendo il nuovo stadio

L’Ascoli che partecipò al campionato di Serie C 19659-1960. Si riconoscono gli ascolani Oddi (secondo da sinistra in piedi), Torelli (primo a destra accosciato) e il portiere Persico

di Bruno Ferretti

Ammessa in Serie C senza vincere il campionato. Capitò alla Del Duca Ascoli esattamente 60 anni fa, stagione 1959-1960, quando la Federcalcio decise di ristrutturare i format dei campionati e la Serie C fu portata a 54 squadre con 3 gironi da 18. La Del Duca Ascoli aveva chiuso il campionato 1958-1959 di Quarta Serie (successivamente denominato Serie D) al quinto posto dietro Maceratese, Molfetta, Teramo e Martina Franca, ma fu ammessa alla nuova Serie C perché aveva i requisiti necessari: era un capoluogo di provincia, aveva un campo sportivo idoneo (il “Ferruccio Squarcia”), mentre era già in corso la costruzione del nuovo stadio delle Zeppelle (l’attuale “Del Duca”).

L’ingresso principale del campo “Squarcia” (Foto Vagnoni)

La squadra bianconera aveva, soprattutto, una onorevole storia calcistica lunga oltre mezzo secolo. Proprio in quella stagione 1959-1960 venne istituita la Lega Nazionale Semiprofessionisti con sede a Firenze, dove tutt’ora si trova. La Del Duca Ascoli fu inserita nel girone B. Presidente era Pacifico Saldari (futuro sindaco di Ascoli), il presidente onorario Cino Del Duca, mecenate originario di Montedinove e trasferito a Parigi, l’allenatore Gianmarco Mezzadri, lombardo di Mantova.

Nel suo primo campionato di Serie C la Del Duca Ascoli si classificò al settimo posto con 34 punti dietro a un manipolo di toscane: Prato 47, Livorno 46, Lucchese 41, Siena 39, Pistoiese 37, e all’Anconitana 36. La Del Duca vinse 10 partite, altrettante ne perse e pareggio’  le altre 14; differenza reti 0 con 35 gol realizzati e 35 subiti. Questa la formazione bianconera schierata nella prima, storica, partita in Serie C (Lucchese-Ascoli 1-0): Persico, Chiossi, Oddi, Bonciani, Torelli, Amatucci, Fiorini, Biagi, Esposito, Montanari, Spinelli.

In questi 60 anni la Del Duca Ascoli, ha cambiato diverse volte denominazione diventando Ascoli Calcio nel 1972, dopo la promozione in B, quindi Ascoli Picchio nel 2014 dopo il fallimento societario, poi di nuovo Ascoli Calcio nel 2018. Ha disputato 22 campionati di Serie C, altrettanti di Serie B e 16 di Serie A conquistando con merito un posto di rilievo nel panorama calcistico nazionale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X