facebook rss

Quintana pronta a tornare alle urne
per completare il Consiglio degli Anziani

ASCOLI - I 78 membri dei comitati di Sestiere votano domenica 19 gennaio a Palazzo Arengo per scegliere il rettore e il loro rappresentante. Poi il CdA provvederà alla revisione dello statuto e alle conferme degli altri incarichi

L’ufficio Quintana a Palazzo Arengo dove si voterà domenica 19 gennaio

di Andrea Ferretti

Ufficializzati da parte del Magnifico Messere-sindaco Marco Fioravanti tre quinti del Consiglio degli Anziani, all’appello ne mancano ora due. Sono il rettore e il rappresentante dei Sestieri, due espressioni degli stessi Sestieri che in questi giorni stanno definendo quello che doveva essere un ventaglio, ma che invece non è. I caposestieri hanno ascoltato i propri comitati, considerando che si tratta di due cariche elettive che usciranno dall’urna di domenica 19 gennaio (seggio unico nella sede della Quintana al pianoterra di Palazzo Arengo) dove si recheranno i 78 membri dei sei comitati. Si prevede però una percentuale molto alta di defezioni, visto che queste elezioni sono poco più di una formalità. Quasi sicuramente, infatti, c’è un solo candidato per ognuno dei due ruoli: Fabrizo Gaspari rappresentante dei Sestieri (uscente) e Pier Luigi Torquati rettore. I Sestieri dovranno comunque presentare ufficialmente le candidature al Consiglio degli Anziani entro giovedì 16 gennaio.

Completato il CdA, i “magnifici cinque” (già in carica ci sono il presidente Massimo Massetti, il vice Cristiano Fioravanti e Valeria Brunozzi) si riuniranno per organizzare, in primis, la revisione dello statuto della Quintana che deve poi essere approvato dal Consiglio comunale. Scontata la modifica – peraltro già operativa come fase sperimentale – che prevede la sostituzione del Comitato degli Esperti (formato da 18 persone) con le due commissioni tecnica e artistica. Resta al suo posto la Consulta Storica, che negli ultimi anni è stata perlopiù costretta a indossare i panni di… Torquemada, personaggio tra l’altro coevo della rievocazione ascolana, che nel Medioevo fu un famigerato inquisitore dell’inquisizione spagnola. Unica differenza: multe a Sestieri e Gruppo Comunale per il mancato rispetto del regolamento di sfilata, anzichè torture ed esecuzioni.

Il CdA dovrà poi confermare altre figure come il camerlengo (coreografo) Mirko Isopi, il provveditore di campo Emidio Morganti, il mossiere Pino Di Teodoro, il direttore della pista Maurizio Celani, il presidente di giuria Antonino Silvestri, i maestri di bandiera (Emidio Manfroni), dei musici (Marco Terrani) e di arceria (Raimondo Cipollini). Dovrà essere poi nominato il nuovo responsabile del Gruppo Comunale, ruolo ricoperto ad interim dal coreografo Isopi.

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X