facebook rss

“Più buoni che mai”:
per i bambini del “Salesi”
il progetto targato Gabrielli

ASCOLI - Il Gruppo mette a disposizione i propri punti vendita Oasi e Tigre, in collaborazione con l'associazione Patronesse dell'ospedale pediatrico di Ancona, in campo da ben 120 anni

La presentazione del progetto

Grazie alla collaborazione con l’associazione Patronesse dell’ospedale “Salesi” di Ancona, lo scorso anno, da luglio a ottobre, 21 punti vendita Oasi e 110 supermercati Tigre si sono tinti di giallo con l’iniziativa “Più buoni che mai”, un importante progetto a favore dei bambini.

Protagonisti dell’attività i “cattivissimi” Minions, che in questa circostanza sono diventati l’emblema di una raccolta fondi a favore dell’associazione delle Patronesse che da più di cento anni si occupa dell’assistenza dei bambini ricoverati presso l’ospedale pediatrico del capoluogo dorico. La meccanica prevedeva che i clienti possessori di “carta unika”, a fronte di uno scontrino di 20 euro complessivi, potessero ricevere, aggiungendo solo un euro, poi devoluto all’associazione, un simpatico cuscino dei Minions.

Grazie alla generosità della clientela è stato possibile raccogliere  una consistente donazione, risultato che ha permesso di implementare ed arricchire alcuni importanti progetti già messi in campo dall’associazione. Tra questi il progetto “Day Surgery”, utile per alleviare, per quanto possibile, con giochi e intrattenimenti, le paure dei piccoli pazienti alle prese con le fasi preparatorie degli interventi chirurgici, e il progetto “ScodinzoliAMO in corsia”, che vede per i bambini l’opportunità di incontrare dolcissimi cani, guidati da esperti educatori, che si intrattengono giocando con loro.

«Ci attiviamo per ridurre paure, ansie, traumi legati all’ospedalizzazione, creando momenti di gioco, distrazione, serenità – le parole di Stefania Giacchè, presidente dell’associazione – il tutto grazie ad una sala giochi attrezzata e animata con attività varie, alla presenza di animali addestrati che interagiscono con i bambini, ad un servizio di pre ricovero che li prepara giocando agli interventi chirurgici, alla presenza di una clown in corsia. Inoltre ogni giorno visitiamo i reparti per venire incontro alle esigenze di bambini e famiglie. Non di rado doniamo all’ospedale strumenti che favoriscono il lavoro del personale ospedaliero. E, non ultima, gestiamo una casa di accoglienza dove ospitiamo i genitori dei bambini ricoverati, che vengono da lontano. E’ un impegno quotidiano che ci vede sul campo da ben 120 anni. Oggi – conclude – ringraziamo di cuore il Gruppo Gabrielli, che con la sua splendida iniziativa ci permetterà di continuare e migliorare costantemente la nostra attività».

«I bambini sono il nostro futuro, avere la possibilità di affiancare chi, a vario titolo si occupa di raggiungere il loro benessere è per la nostra realtà una grande opportunità – ha detto Barbara Gabrielli, vice presidente del Gruppo Gabrielli – siamo con chi ogni giorno mette a disposizione tempo passione e impegno in favore dei più piccoli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X