facebook rss

Samb, Fedeli mastica amaro
e spara a zero:
«Sono deluso perchè questa squadra
non ha gli attributi»

SERIE B - Il presidente: «Alcuni giocatori hanno pretese di contratti faraonici e poi non rendono sul campo». Il riferimento è al rinnovo contrattuale di Di Massimo. Esplicito sulla questione società: «La cessione? Qualche chiacchierata, come sapete, è già iniziata, e adesso aspetto di valutare controproposte»

Fedeli con il sindaco Piunti

di Benedetto Marinangeli

Cinque punti nelle prime quattro partite del girone di ritorno. Un ruolino poco esaltante quello della Samb all’inizio del 2020. Se si eccettua l’impresa di Trieste, per il resto Rapisarda e compagni sono stati protagonisti di gare giocate sotto tono. Contro formazioni di media e bassa classifica i rossoblù hanno conquistato due pareggi, entrambi in rimonta ed una sconfitta in casa con la Vis Pesaro. Quando tutti si aspettavano dopo la vittoria sulla Triestina il salto di qualità ecco invece il ritorno alla nuda e cruda realtà. Una Samb che è stata la brutta copia di quella vista all’opera nel girone di andata con i tifosi che hanno iniziato ad esprimere con sonori fischi tutto il loro malessere.

Anche il presidente Franco Fedeli non le ha mandate certo a dire. Ha iniziato dopo la gara con il Fano ed ha proseguito ieri. «Dopo le ultime tre partite che si sono viste in campionato – ha affermato-  non si può non dire che sono deluso. Questa Samb sembra avere anche mancanza di attributi e non va bene. Alcuni giocatori hanno pretese di contratti faraonici e poi non rendono come giusto che sia sul campo». Dichiarazioni forti, nello stile Fedeli che sembrava essere stato abbandonato dal patron rossoblù. Ed andiamo ad analizzarle. Sulla mancanza di attributi non siamo d’accordo perché Rapisarda e compagni hanno sempre lottato fino all’ ultimo contro tutti gli avversari incontrati. Il fatto è che ora anche le altre formazioni iniziano a conoscere la Samb e quindi sanno come fermarla. Spetta a Montero trovare altre soluzioni tattiche rispetto all’ormai monotono 4-3-3.

Il procuratore Donato Di Campli

E poi Fedeli ha ricominciato a prendersela con i giocatori e questo non va bene. Il riferimento a “pretese di contratti faraonici” è rivolto ad Alessio Di Massimo. Soprattutto al suo procuratore Donato Di Campli. Il rinnovo con l’attaccante di Sant’Omero è ancora lontano dall’ essere raggiunto con le parti abbastanza distanti. E forse in qualche modo Di Massimo risente di questa situazione. Sul fronte mercato, poi, continua la ricorsa ad un centrocampista di cui la Samb ha bisogno come il pane. Ma prima di effettuare questa operazione il club rossoblù deve cedere un calciatore in organico per non sforare il budget di spesa fissato da Fedeli.

Bovo della Virtus Francavilla

Bove, praticamente, non ha molto mercato, mentre Piredda vanta qualche richiesta. Tra queste c’è pure l’Arzignano. Ed il centrocampista rossoblù nei minuti in cui pè sceso in campo al “Menti” non solo ha offerto a Grandolfo la palla del pareggio, ma è stato protagonista di una prova tutta sostanza. Nel caso in cui dovesse andare via il nome in pole position è sempre quello di Bovo della Virtus Francavilla.

Il presidente rossoblù ha anche commentato i possibili movimenti societari. «La cessione del club? Qualche chiacchierata come sapete è già iniziata, adesso aspetto di valutare controproposte». Insomma si stanno valutando le possibilità per un accordo con il sindaco Pasqualino Piunti a ricoprire il ruolo di raccordo tra Fedeli e coloro che sono interessati a rilevare il sodalizio del Riviera delle Palme.

La Samb non sa più vincere: fermata sul pari (1-1) dall’Arzignano, rimedia un gol di Grandolfo


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X