facebook rss

Si inaugura Larghetto Michael Flaksman
Lunedì cerimonia per l’intitolazione

ASCOLI - Non solo concerto in memoriam del violoncellista che ha fondato 24 anni fa il Festival di Ascoli. In città familiari e musicisti da Stati Uniti, Germania, Svizzera e Spagna. Martedì tumulazione delle ceneri al cimitero, nella tomba della famiglia Cicchi

“Thank you Michael” è un concerto in memoriam molto particolare. Non solo musica ma anche riconoscimento pubblico ad un musicista, Michael Flaksman,  nato in America e vissuto in Germania, deceduto l’anno scorso, che ha amato Ascoli e qui ha fatto nascere, 24 anni fa, il Festival internazionale di musica di Ascoli Piceno gettando un seme importante nella vita culturale della città.

Flaksman in piazza del Popolo

L’appuntamento è per lunedì 24 febbraio. Il concerto, inizio alle ore 21, ingresso libero, si svolge nell’Auditorium “Emidio Neroni” della Fondazione Carisap, luogo dove Michael Flaksman ha per tanti anni ha operato. Sempre lunedì, alle ore 17, nello spazio antistante l’Auditorium, in rua del Cassero, si svolge la cerimonia ufficiale, alla presenza dell’assessore comunale alla cultura Donatella Ferretti, con lo scoprimento della targa in travertino, realizzata da Sergio Baiocchi con l’intervento della Fondazione, con la quale al musicista scomparso viene intitolato il “Larghetto Michael Flaksman” con richiamo sia allo spazio fisico sia al significato musicale. In questa maniera la città di Ascoli  vuole rendere omaggio alla memoria del musicista.
Partecipa alla cerimonia, oltre ai numerosi familiari dello scomparso, giunti dagli Stati Uniti e dalla Germania, anche una delegazione di Putignano dove Michael Flaksman dirigeva un altro festival di musica da camera.  La Giunta comunale ha subito accolto la proposta di intitolazione del Larghetto avanzata dall’associazione ascolipicenofestival, organizzatrice del Festival di settembre, e dello stesso assessore Donatella Ferretti.
Gli artisti che si esibiscono, provenienti dall’Italia e dall’estero, tra i quali i tre figli dello scomparso, sono: Emanuela Antolini (pianoforte), Mariano Bulligan (violoncello e voce), Pierluigi Camicia (pianoforte), Rumen Cvetkov (viola), Clara Flaksman (pianoforte) Leonie Flaksman (violino), Jonathan Flaksman (violoncello), Federico Paci (clarinetto), Stella Pontoriero (pianoforte) e Roberto Trainini (violoncello).
Martedì mattina, invece, con una cerimonia privata, le ceneri di Michael Flaksman vengono tumulate, per suo espresso desiderio, nel cimitero civico nella tomba della famiglia Cicchi con la quale il violoncellista aveva intessuto un profondo rapporto di amicizia.

Michael Flaksman, musica e amore per Ascoli Concerto e intitolazione del “Larghetto”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X