facebook rss

La paziente morì dopo l’operazione,
chirurgo assolto in appello

ASCOLI -I fatti risalgono al 2010 dopo un intervento all'ernia. In primo grado il medico era stato condannato ad un anno e mezzo

I giudici della Corte di Appello di Ancona hanno assolto “perchè il fatto non sussiste” il chirurgo (F.A) che in primo grado (leggi l’articolo) era stato condannato ad un anno e mezzo dal tribunale di Ascoli per la morte di una paziente dopo un’operazione in una clinica privata sambenedettese.

Mauro Gionni

La vicenda risale al 2010 per un intervento di riduzione di una massa sull’addome, ma non tutto andò come previsto e la donna spirò successivamente per uno shock settico al reparto di rianimazione del Mazzoni di Ascoli dove era stata trasferita a seguito delle complicazioni post operatorie. L’avvocato del chirurgo, il penalista ascolano Mauro Gionni, nel ricorso di appello aveva rimarcato l’assoluta innocenza del suo assistito e la mancanza di nessi causali tra l’operazione e il decesso avvenuto 40 giorni dopo. Circostanza che era emersa anche nell’ulteriore perizia medico legale disposta dai giudici dorici.

rp


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X