facebook rss

Gli sciacalli del terremoto,
quattro ladri arrestati dai Carabinieri

ARQUATA DEL TRONTO - Originari della provincia di Catania, erano stati colti in flagranza lo scorso novembre. Refurtiva recuperata e restituita ai proprietari

I Carabinieri di Arquata

Sciacalli tra le macerie, quattro arresti. Li hanno portati a termine i Carabinieri di Arquata del Tronto (fanno capo alla Compagnia di Ascoli), la zona più esposta purtroppo ad atti senza dignità. Ad essere nuovamente raggiunti da ordinanza di custodia cautelare sono quattro persone, tutte originarie della provincia di Catania, che erano già state beccate in flagranza (per lo stesso reato) lo scorso 28 novembre. Dovranno nuovamente rispondere di furto e tentato furto aggravato e continuato in concorso.

L’operazione dei Carabinieri era scattata, e si è ripetuta, in seguito a diversi furti in abitazione denunciati dai cittadini colpiti dal terremoto. Tutti purtroppo oggetto di atti di sciacallaggio. Il quartetto di malviventi aveva commesso reati simili anche nelle province di Perugia e Ancona. Le indagini hanno permesso di recuperare il bottino consistente in monili in oro, contanti e orologi. Non solo, ma ammontano a circa 20.000 euro i danni causati alle abitazioni dove sono state forzate porte e finestre.

Tutta la refurtiva, inventariata dai Carabinieri, è stata restituita ai prorprietari. Dal 2016 i militari dell’Arma hanno segnalato all’autorita giudziaria circa 300 persone nel corso delle attività di prevenzone e assistenza alla poplazione delle zone terremotate.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X