facebook rss

Ascoli, con l’Entella crollo verticale (3-0)
La crisi ora diventa preoccupante
Squadra senza gioco, idee e grinta

SERIE B - La squadra di Stellone fuori casa continua a essere un disastro. Per i bianconeri 11° stop su 15 gare in trasferta: numeri fallimentari. I liguri chiudono il match nei primi 22 minuti

Trotta con le mani in testa: la fotografia dell’Ascoli

di Bruno Ferretti

Doveva essere la partita del riscatto e invece è diventata quella della disfatta. Peggio di così l’Ascoli a Chiavari, con l’Entella, non poteva fare. Tre gol sul groppone, altrettanti evitati di poco. La squadra di Stellone, finora autentica delusione, è rimasta sempre in balìa dell’avversario non certo irresistibile. L’Entella ha pochi mezzi tecnici ma li sa utilizzare al meglio, mentre l’Ascoli conferma di essere squadra disordinata, senza una dimensione offensiva rispettosa ma, soprattutto, una squadra che gioca davvero male. Cambiano i giocatori, i teniici, ma non cambia la sostanza di una formazione incapace di costruire gioco. Timida, molto timida, la reazione dopo il tris dei liguri. Dopo soli 22 minuti di gioco la gara era già in archivo con il tris calato da Paolucci (8′), Poli (16′) e Giuseppe De Luca (22′). L’Ascoli ha sbandato paurosamente dimostrando anche di non avere il carattere necessario per restare in piedi. Ha continuato a subire la manovra della squadra d Boscaglia che ha potuto amministrare senza eccessivi problemi risultato e partita.

Il rigore del 3-0

Si è visto subito che l’Entella aveva qualcosa di più, anche sul piano dell’agonismo, completamente assente invece nelle fila bianconere. L’equilibrio è durato appena otto minuti, fino a quando Paolucci ha battuto Leali (apparso sorpreso) da oltre venti metri. Il tiro è appparso effettivamente difficile da intercettare, ma il portiere doveva fare qualcosa di più per evitare il gol che ha subito indirizzato la partita. Neppure il tempo di riordinare le idee, ed ecco il secondo gol che ha messo in ginocchio l’Ascoli, autore il difensore Poli spuntato dalle retrovie come un falco. A mettere definitivamente in ginocchio la squadra di Stellone è stato il terzo bersaglio messo a segno da De Luca su rigore concesso dall’arbitro Robilotta per un fallo di Valentini (ammonito nella circostanza) sullo stesso attaccante.

Paolucci abbracciato dai compagni dopo l’1-0

Dopo 22 minuti l’Entella conduceva 3-0 e la partita era virtualmente in archivio. L’Ascoli ha creato alcune buone occasioni per riapire il match. Ma il portiere Contini è stato bravo, e anche un pò fortunato, su Trotta (due volte), sull’ex Sernicola e Ninkovic. E’ finita male, anzi malissimo, per il Picchio che in Liguria ha raccolto l’ennesima figuraccia. I numeri dicono che fuori casa l’Ascoli ha conquistato soltanto 8 punti. Peggio ha fatto solo Livorno (7) ormai retrocesso. Su 15 trasferte, i bianconeri ne hanno perse 11 (più 2 vittorie e 2 pareggi) segnando 17 gol e subendone ben 30. Una squadra così, diciamolo onestamente, non può meritare qualcosa di più della salvezza. Questa ennesima secca sconfitta ridimensiona ancora di più le velleità bianconere. Ora l’obiettivo primario non può essere che evitare gli spareggi salvezza.

Mister Stellone a Chiavari

VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2): Contini; Settembrini, Poli, Pellizzer, Sala; Mazzitelli, Paolucci (1’st Toscano), Dezi; Schenetti (36’st Nizzetto); Morra, Giuseppe De Luca (26’st Chajia). A disposizone: Zaccagno, Paroni, Currarino, Bruno, Crialese, Adorjan, Rodriguez, Manuel De Luca, Mancosu. Allenatore: Boscaglia.

ASCOLI (4-4-2): Leali; Andreoni, Gravillon, Valentini, Sernicola; Brlek (10’st Costa Pinto) Cavion, Eramo (34’st Troiano), Morosini (10’st Scamacca); Ninkovic, Trotta. A disposizione: Marchegiani, Novi, Pucino, Ferigra, Sankoh, Petrucci, Piccinocchi, Covic, Matos. Allenatore: Stellone.

Arbitro: Robilotta di Sala Consilina-Salerno (assistenti Mokhtar di Lecco e Margani di Latina, quarto ufficiale Illuzzi di Molfetta).

Reti: 8’pt Paolucci, 16’pt Poli, 22’pt G. De Luca su rigore.

Note: ammoniti Poli (E), Pellizzer (E), Valentini (A) e Sernicola (A). Angoli 7-3 per l’Entella. Recupero: 1’+4′.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X