facebook rss

In fila davanti al supermercato,
ma è ricercato: finisce in carcere

SAN BENEDETTO - Si tratta di un 45enne sorpreso davanti al minimarket di piazza Garibaldi. Era colpito da ordine di carcerazione per rissa emesso dalla Procura di Pescara. Sempre la Polizia, a Porto d'Ascoli denuncia un 30enne che si trovava in strada senza motivo
Print Friendly, PDF & Email

Ha 45 anni ed è di origine marocchina. Niente di strano, a San Benedetto ce ne sono tanti. Ma lui era un ricercato. Lo hanno scoperto e ammanettato i poliziotti del locale Commissariato. Questi ultimi erano a bordo di una Volante che ha avvistato due persone davanti al minimarket di piazza Garibaldi. Si sono avvicinati chiedendo il motivo per cui si trovassero lì, in applicazione del decreto per contenere il Coronavirus “Io resto a casa”.

Ci sono voluti pochi minuti per appurare che uno dei due era ricercato. Su di lui pendeva infatti un ordine di carcerazione emesso un mese fa dalla Procura della Repubblica di Pescara. Il 45enne doveva scontare sei mesi per una rissa avvenuta sei anni fa a Pescara. Sei mesi che ora trascorrerà dietro le sbarre del carcere ascolano di Marino del Tronto.

DENUNCIATO – Per non aver rispettato le misure anti Covid-19, una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine in quanto consumatore di droga, è stato denunciato dalla Polizia. Si tratta di un sambenedettese di 30 anni, sorpreso a Porto d’Ascoli dai poliziotti a bordo di un’auto (c’era anche il vice questore vicario Gerlando Costa) il quale non ha saputo giustificare la sua presenza lì. Per il giovane, ora, un guaio in più.

Sostieni Cronache Picene

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Picene lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT24F0847413502000000005641
  • Intestatario: Cronache Picene S.r.l - Banca: BCC di Ascoli Piceno


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X