Quantcast
facebook rss

Autotrasporto dei giornali:
Alessandro Mancini,
una vita a viaggiare di notte

ASCOLI - Per decine di anni ha percorso la Statale Salaria trasportando il "Messaggero" da Roma ad Ascoli. Un mestiere duro, mandato in pensione dalla tecnologia
...

Alessandro Mancini

di Bruno Ferretti

Quello di autotrasportatore di giornali dalla tipografia alle agenzie di distribuzione, è un mestiere antico, ormai in fase di sparizione, superato – come tanti altri – dalle moderne teconologie. Un mestiere che, tuttavia, conserverà per sempre tutto il suo romanticismo.

Andare tutte le notti a caricare, e poi trasportare, migliaia di copie, d’estate e d’inverno, con il caldo, con la pioggia e con la neve. Un lavoro durissimo, nonché pericoloso, con tutti i rischi e le insidie che il viaggiare di notte comporta.

Un grande esponente di questo settore lavorativo è stato sicuramente l’ascolano Alessandro Mancini, veterano dei trasportatori, che ha trascorso una vita intera al volante, con i suoi furgoni carichi di giornali da portare a destinazione nel minor tempo possibile.

Alessandro, festeggiato da tutti i sui familiari, ha tagliato in famiglia il prestigioso traguardo degli 89 anni in buona salute, fisica e mentale.

Cominciò trasportando “Il Corriere della Sera” da Porto d’Ascoli ad Ascoli e nei centri dell’entroterra. L’azienda di famiglia un po’ alla volta si allargò, e dopo alcuni anni Mancini iniziò a lavorare per “Il Messaggero” sulla tratta Antrodoco-Loreto.

Successivamente allargò il giro trasportando i giornali da Roma ad Ascoli, con varie tappe lungo il viaggio. Ha svolto questo duro mestiere sempre con impegno straordinario distinguendosi per puntualità e ordine. Una vera istituzione nel settore.

Adesso Alessandro si sta godendo il meritato riposo nella sua abitazione in viale Treviri, a Porta Romana. E ricorda sempre con piacere gli anni in cui ha lavorato, giorno e notte, sacrificandosi per svolgere la… missione.

È stato veramente un grande lavoratore, e merita il ringraziamento di tutti per l’esempio che ha saputo trasmettere. Oggi i giornali vengono spediti a destinazione con altri mezzi, ma quello del trasporto resta un nostalgico ricordo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X