Quantcast
facebook rss

Centri estivi,
progetti da presentare
entro il 22 giugno

SAN BENEDETTO -  Comune e Asur devono dare il via libera secondo i protocolli anti Covid. Sotto controllo i rapporti numerici tra i presenti e gli operatori. Voucher per le famiglie meno abbienti
...

E’ stato pubblicato sul sito istituzionale www.comunesbt.it (sezione Altri Avvisi pubblici) il bando per la presentazione, ai fini dell’approvazione, dei progetti dei Centri estivi che si intendono realizzare a San Benedetto.

Il Comune di San Benedetto (foto Cicchini)

I soggetti che intendono avviare questo tipo di attività dovranno presentare, entro lunedì 22 giugno 2020, un progetto organizzativo del servizio offerto che sia coerente con le linee guida predisposte sulla materia a livello nazionale e regionale per prevenire il rischio di contagio.

Tra gli obblighi previsti, il distanziamento fisico assicurato da una organizzazione in piccoli gruppi e in diversi spazi, la sanificazione degli ambienti, ingressi e uscite scaglionate. Il rapporto numerico tra operatori e bambini è fissato dal Governo in un adulto ogni 5 bambini nella fascia di età da 3 a 5 anni, ogni 7 bambini nella fascia 5 – 11 anni, ogni 10 per i ragazzi di età compresa tra 11 a 14 anni. Sempre in attuazione delle direttive nazionali, è previsto che ai centri estivi possano accedere bimbi e ragazzi dai 3 ai 17 anni di età.

«Per quanto riguarda i voucher che annualmente il Comune riconosce alle famiglie meno abbienti per la frequenza dei centri estivi – aggiunge l’assessore Carboni – l’Amministrazione comunale ha già in bilancio la somma necessaria a coprire la sua quota di compartecipazione ma è in attesa di conoscere l’ammontare dello stanziamento previsto per il nostro Comune dal “Decreto Rilancio” proprio per sostenere i costi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X