facebook rss

Le morti sospette alla Rsa di Offida:
depositato il ricorso al Tribunale
del Riesame di Ancona

ASCOLI - Si attende ora la fissazione dell'udienza a cui prenderanno parte anche gli avvocati Luca Filipponi e Tommaso Pietropaolo. Si chiede la scarcerazione o comunque l'attenuazione della misura cautelare nei confronti di Leopoldo Wick

La Casa della Salute di Offida

Si sposta, temporaneamente, ad Ancona la battaglia giudiziaria sul caso delle morti sospette alla Rsa di Offida.

I legali Luca Filipponi e Tommaso Pietropaolo, difensori dell’infermiere Leopoldo Wick, hanno depositato questa mattina il ricorso al Tribunale del Riesame di Ancona per chiedere la scarcerazione (leggi l’articolo) del loro assistito o comunque un’attenuazione della misura cautelare emessa dal gip di Ascoli, Annalisa Giusti.

Ora si attende la fissazione dell’udienza a cui prenderanno parte anche gli avvocati ascolani. Nel ricorso, Filipponi e Pietropaolo hanno ribadito la linea difensiva annunciata in questi giorni: dall’assenza di prove a carico del loro assistito alla mancanza dei requisiti della custodia cautelare dopo oltre un anno dall’apertura delle indagini a carico dell’infermare che nel frattempo ha continuato a lavorare all’Area Vasta 5 seppure in una collocazione diversa.

Sotto osservazione c’è anche il clima interno alla stessa della Rsa dove comunque ci sarebbero utenti con un ricordo positivo dell’attività dell’infermiere oggi accusato dalla Procura di Ascoli.

rp 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X