Quantcast
facebook rss

Trasporti scolastici nel mirino,
Castelli (Fdi): «Mazzata sui Comuni»
Sotto accusa la gara indetta dalla Regione

ASCOLI - L'ex sindaco, candidato alle regionali per Fratelli d'Italia, solleva dubbi sull'assegnazione del punteggio alla Start di Ascoli. «Potrebbe essere stata danneggiata». Il gruppo regionale Fdi invitato a mettere sotto la lente d'ingrandimento l'operato della giunta guidata da Luca Ceriscioli. «A rischio l'inizio delle lezioni?»
...

Guido Castelli (Foto Vagnoni)

Il trasporto scolastico post Covid-19 è una mazzata intollerabile per i Comuni delle Marche.

L’ex sindaco di Ascoli Guido Castelli, responsabile nazionale enti locali di Fratelli d’Italia, e candidato consigliere alle regionali di settembre, si scaglia contro la Regione.

E, nel caso specifico della Start di Ascoli, solleva il sospetto che l’azienda sia stata accreditata di un punteggio penalizzante rispetto al reale potenziale.

«Moltissimi sindaci – afferma Guido Castelli, già in campagna elettorale – sono in fibrillazione dopo che la Regione ha comunicato gli esiti della gara unica regionale per l’affidamento del trasporto scolastico conclusasi lo scorso 26 giugno. La procedura si è sviluppata sulla base di dieci lotti in cui è stato suddiviso il territorio regionale e nei giorni scorsi la Regione ha informato i sindaci dei risultati di gara.

Pressoché tutti i Comuni hanno registrato un aumento vertiginoso ( in molti casi un raddoppio) dei costi posti a loro carico per lo svolgimento di un servizio che, secondo le nuove modalità, dovrà essere attivato a partire dal 31 luglio 2020. Si tratta di un fatto estremamente grave che si aggiunge alla crisi delle entrate comunali dovute all’emergenza Covid e che in qualche caso rischia di provocare un collasso finanziario dei Comuni che, vista l’eccezionalità del frangente, avranno tempo fino al  30 settembre per attestare la salvaguardia degli equilibri di bilancio».

«Mi sembra folle – continua l’ex sindaco di Ascoli – che nello stesso momento in cui tanti sindaci devono industriarsi per fronteggiare le conseguenze della più grave crisi economica e sociale dal dopoguerra ad oggi, la Regione affossi proprio i soggetti che istituzionalmente saranno chiamati a garantire le protezioni sociali in favore delle comunità.

Il ministro Azzolina

Sarà utile e opportuno liberare i Comuni che avevano delegato la Regione ad indire la gara unica dagli aggravi di un costo del servizio che prevede un incremento di quasi un euro a chilometro e che rischia di compromettere l’esordio di un anno scolastico che già si annuncia complicatissimo.

Dopo la Azzolina, i plexiglas, la carenza di spazi, piove sui sindaci marchigiani (specie quelli più piccoli e montani ) una mazzata che potrebbe rendere esplosivo il prossimo settembre. Sarà bene fare luce su questa gara e in questo senso ho invitato il gruppo di Fratelli d’Italia alla Regione ad approfondire le modalità di svolgimento della stessa. Non mancano infatti motivi di perplessità».

L’esponente di Fratelli d’Italia entra poi nel dettaglio della gara. «Le aggiudicazioni ai diversi fornitori – fa presente – sono avvenute sulla base di valutazioni che per il 30% riguardavano la parte economica dell’offerta e per il 70% la qualità e la capacità aziendale dei partecipanti alla gara. Da questo punto di vista ho appreso, non senza sorpresa, che alla Start (un’azienda pubblica che possiede oltre 100 autobus e ben due depositi nel territorio provinciale) sia stata assegnato un punteggio molto inferiore, in termini di organizzazione aziendale, rispetto a quello riconosciuto ad aziende private sicuramente di minore dimensione.

Non voglio fare illazioni. Sicuramente è tutto regolare ma quando una gara interferisce in modo cosi pesante sugli equilibri finanziari dell’ente è bene garantire la massima trasparenza nelle procedure. Nel frattempo molto sindaci sono sul piede di guerra. Fratelli d’Italia sarà al loro fianco».

Ditte locali escluse dalla gara per il trasporto scolastico, è protesta ad Acquasanta


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X