facebook rss

Ascoli, negli ultimi anni
salvezze quasi sempre sofferte

SERIE B - Con sei partite ancora da giocare, i bianconeri di Dionigi chiamati ad un finale più disteso. Dopo la Salernitana, ci sono Empoli, Cittadella, Pordenone, Pisa e Benevento

L’invasione campo dei tifosi nel maggio 2018 per festeggiare la salvezza nel dopo lo 0-0 con l’Entella nel ritorno dei playout

di Bruno Ferretti

Campionato di Serie B in dirittura d’arrivo. Turno decisivo per l’Ascoli che ospita la Salernitana e poi, lunedì 13 luglio (ore 21) l’Empoli, per un doppio turno casalingo dove il vantaggio del pubblico amico non c’è perchè si gioca a porte chiuse. La vittoria a Cosenza ha tenuto a galla i bianconeri che ora sono chiamati all’ultimo, decisivo sforzo. Vietato sbagliare perché non c’è più tempo per recuperare.

L’Ascoli nelle ultime stagioni si è spesso salvato in extremis. Nel 2015-2016 punto salvezza all’ultima giornata (0-0) a La Spezia, nel 2016-2017 chiuse perdendo in casa con la Ternana (1-2), nel 2017-2018 i playout con l’Entella (doppio 0-0) e lo scorso anno (2018-2019) sofferta salvezza nonostante tre sconfitte consecutive finali.

E stavolta? Dopo Salernitana ed Empoli al” Del Duca”, l’Ascoli giocherà a Cittadella, poi ospiterà il Pordenone quindi trasferta a Pisa e chiusura in casa con il Benevento già promosso in Serie A.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X