facebook rss

Omicidio Albertini, Giobbi
condannato a 8 anni e 4 mesi

ASCOLI - L'uomo morì a seguito delle botte prese a seguito di un pestaggio avvenne il 17 febbraio 2016 in Piazza del Popolo. La difesa del tabaccaio potrebbe ricorrere nuovamente in Cassazione

E’ stata pronunciata oggi, 15 luglio, dalla Corte di Assise di Appello di Perugia la sentenza sul caso dell’omicidio dell’ascolano Giovanni Albertini morto a seguito delle botte prese in Piazza del Popolo il 17 febbraio 2016.

La vittima Giovanni Albertini

Erano stati i giudici della Suprema Corte di Cassazione di Roma (leggi l’articolo) a rimandare gli atti a Perugia con lo scopo di rideterminare la pena a carico del tabaccaio ascolano Giorgio Giobbi condannato in primo grado a due anni per lesioni e poi a 11 anni e 8 mesi in Appello ad Ancona (leggi l’articolo) per omicidio preterintenzionale.

Alla fine Giobbi, difeso dall’avvocato Sergio Liberati (oggi rappresentato in udienza da Alessio De Vecchis) dovrà scontare 8 anni, 4 mesi e 20 giorni. I giudici perugini hanno escluso la presenza della recidiva che ha determinato lo sconto di pena rispetto a quanto stabilito dai colleghi anconetani che l’avevano applicata pur non essendo presente nella sentenza di primo grado.

Resta, invece, da capire se a Giobbi sia stata applicata la pena minima oltre alle due aggravanti contestate. La difesa è pronta ad un nuovo ricorso per Cassazione una volta rese note le motivazioni della sentenza odierna. I familiari di Albertini sono assistiti dall’avvocato Mauro Gionni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X