facebook rss

Il Liceo Classico “Stabili”
sarà anche Musicale:
è nel piano approvato
in Provincia

ASCOLI - Unanime l'accoglimento delle proposte nell'ambito della programmazione della rete scolastica 2021-2022. L'Ipsia "Guastaferro" di San Benedetto avrà nuovi corsi. Novità anche per alcuni Isc. Contrarietà per il no, da parte dell'Usr, al Liceo Classico di Montalto 

Il Liceo Classico “Stabili”

 

Il Liceo Classico “Stabili” di Ascoli avrà l’indirizzo coreutico e musicale, mentre l’Ipsia “Guastaferro” di San Benedetto si arricchirà di nuovi corsi.

Sono tra le proposte approvate all’unanimità dal Consiglio provinciale di Ascoli, svoltosi in videoconferenza per l’emergenza Covid, nell’ambito della programmazione della rete scolastica 2021-2022. 

«Si è provveduto a disegnare la rete scolastica del Piceno, nel quadro di un equilibrio territoriale tra i presidi scolastici, assicurando tutela ed attenzione alle istanze perorate dalle istituzioni scolastiche insediate presso il territorio provinciale», ha evidenziato il presidente della Provincia Sergio Fabiani.

LICEO MUSICALE – Nella seduta del 15 ottobre è stata data attuazione all’impegno preso lo scorso anno con decreto del Presidente della Provincia, avente per oggetto la sezione musicale del Liceo musicale e coreutico presso il Liceo Classico “Stabili” di Ascoli Piceno. Nel 2019 infatti, si assumeva di rinviare al 2020 la valutazione circa l’attivazione di tale nuovo corso presso lo “Stabili”, poiché interessato da lavori di consolidamento antisismico sostenuti dall’istituzione provinciale.

IPSIA “GUASTAFERRO” – L’Assise, su istanza dell’Amministrazione provinciale, ha espresso in particolare, accoglimento per le richieste formulate da Marina Marziale, dirigente dell’Ipsia “Guastaferro” di San Benedetto del Tronto, aventi per oggetto l’istituzione dei corsi tecnici di “Meccanica, meccatronica ed energia”- articolazione energia e di “Elettronica ed elettrotecnica”- articolazione automazione, assenti nel novero dell’offerta formativa caratterizzante la rete scolastica provinciale, presenti soltanto a Fermo, Recanati, Fabriano, Jesi e dunque tali da assicurare rilevanti opportunità per la comunità studentesca picena.

La scelta compiuta, riguarda un Istituto che vanta una lunga tradizione in tale segmento formativo specialistico, capace di suscitare l’attenzione di famiglie e studenti, che concorrerà a rendere ancora più attrattiva la proposta educativa assicurata da un nuovo presidio scolastico tecnico-professionale nella città di San Benedetto e che rappresenterà un rilevante nodo intessuto nell’orditura della rete scolastica picena.

 La Dirigente Marziale ha espresso «piena soddisfazione per le scelte operate dall’Amministrazione provinciale, nel personale convincimento che gli indirizzi approvati potranno garantire un significativo arricchimento dell’offerta formativa del territorio, in linea con quanto richiesto dal mercato del lavoro, oltre ad un ottimale impiego delle risorse umane, delle infrastrutture e del capitale esperenziale maturato dalla scuola nei suoi 50 anni di attività».

ISC, AGGREGAZIONE E NUOVI CORSI – È stata approvata l’aggregazione dei plessi scolastici di Acquaviva Picena e Monsampolo all’Isc di Spinetoli e dato il via libera alle proposte di attivazione di due corsi ad indirizzo musicale: uno presso l’Istituto comprensivo ” Nord ” e l’altro presso l’Isc “Sud “, entrambi di San Benedetto.

LICEO DI MONTALTO – Sempre in tema rete scolasticail Consiglio provinciale ha infine approvato all’unanimità la mozione, promossa dalla maggioranza consiliare, che esprime contrarietà rispetto alla decisone dell’Ufficio Scolastico Regionale di non assegnare la prima e la terza classe al Liceo Classico di Montalto, invece di avvalersi delle deroghe a cui l’Istituto scolastico avrebbe diritto.

«L’Amministrazione provinciale ritiene tale provvedimento gravemente lesivo del diritto degli studenti oltre che del tessuto sociale della comunità di Montalto Marche – si legge nella mozione – ed impegna il presidente della Provincia ad attivarsi presso la Regione Marche, l’Ufficio scolastico regionale e in tutte le sedi ritenute opportune allo scopo di revocare tale diniego e di ripristinare nel più breve tempo possibile le condizioni affinché il Liceo Classico Montalto di Marche possa ricostituire la prima e terza classe».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X