facebook rss

Ascoli, con la Reggiana obiettivo tre punti
I granata fanno i conti col Covid

SERIE B - A tre giorni dalla sconfitta di Frosinone, i bianconeri hanno subito un'occasione per riscattarsi e centrare la prima vittoria. Bertotto ne convoca 23 e medita un paio di cambi in formazione. Notizie positive dall'infermeria con i rientri di Avlonitis e Donis. Vigilia tormentata in casa emiliana: 6 positività al Covid tra giocatori e staff tecnico, ma per ora il match non è a rischio

L’undici sceso in campo a Frosinone

di Salvatore Mastropietro

La sconfitta di Frosinone ha lasciato non poco rammarico all’interno della rosa bianconera. Per fortuna, l’Ascoli ha subito l’occasione per riscattarsi nel turno infrasettimanale contro la Reggiana. La gara andrà in scena al “Cino e Lillo Del Duca” nella serata di domani, martedì 20 ottobre alle ore 21. L’obiettivo neanche troppo velato è quello di conquistare i primi tre punti del campionato dopo il pareggio e le due sconfitte ottenute nelle tre partite disputate finora. Le buone impressioni a livello di atteggiamento e prestazione sono state praticamente annullate dalle difficoltà realizzative. Per agguantare la prima vittoria ci sarà, dunque, da migliorare questo importante aspetto, come evidenziato anche dal tecnico Valerio Bertotto. Di fronte i bianconeri troveranno una squadra molto organizzata come quella emiliana, reduce dalla vittoria dei playoff di Serie C ai danni di formazioni ben più quotate come il Bari. A suonare la carica ci penseranno anche i mille tifosi, che – nel rispetto delle normative vigenti – torneranno domani a popolare dopo diversi mesi gli spalti del “Del Duca”.

Kragl

QUI ASCOLI – Mister Bertotto spera che la rabbia della beffa di Frosinone, dove i suoi hanno dominato per almeno metà partita, si trasformi in benzina e carica agonistica nella gara di domani. I bianconeri hanno svolto tra ieri ed oggi 19 ottobre un totale di due allenamenti, di cui una seduta leggera per recuperare dalle fatiche dello “Stirpe”. Sul campo si sono provate prevalentemente alcune situazioni che caratterizzano la Reggiana, mentre a livello tattico non si è potuto fare molto. Il tecnico piemontese è intenzionato a confermare il 4-3-3, che come visto sabato è abbastanza duttile in fase offensiva vista la posizione avanzata di Kragl sulla sinistra.

Per garantire maggiore freschezza sul piano fisico, è probabile che ci saranno un paio di cambi nell’undici iniziale rispetto a quello di Frosinone. In difesa potrebbe riprendersi il posto al fianco di Brosco il greco Avlonitis, che ha pienamente smaltito il colpo subito nel match col Lecce del 4 ottobre. In attacco, invece, si dovrebbe rivedere nel ruolo di esterno sinistro Gianmarco Cangiano al posto di Pierini. Per il resto, confermati Kragl e Pucino da terzini. A centrocampo l’unico dubbio riguarda il possibile utilizzo di Gerbo al posto di uno tra Cavion e Sabiri, mentre Donis potrebbe essere chiamato a dare il proprio contributo in corso d’opera. In avanti, complice l’assenza di Vellios (rientrato oggi dall’ospedale di Frosinone dopo la gomitata al costato subita sabato), sarà ancora a Bajic ad agire da punta centrale.

Questi i 23 convocati da Valerio Bertotto per la gara di domani: Leali, Ndiaye, Sarr, Avlonitis, Brosco, Corbo, Ghazoini, Pucino, Kragl, Spendlhofer, Sini, Donis, Cavion, Gerbo, Lico, Sabiri, Saric, Bajic, Cangiano, Chiricò, Matos, Pierini, Tupta.

QUI REGGIANA – La vigilia in casa granata è stata piuttosto travagliata a causa della positività al Covid di sei componenti del gruppo squadra (3 calciatori e 3 dello staff tecnico). I test in questione sono stati svolti nella giornata di ieri 18 ottobre, mentre i restanti effettuati oggi hanno dato esito negativo. Non sono stati resi noti i nominativi dei tesserati in questione. La gara non è comunque al rischio per il momento: per chiedere il rinvio servono almeno 8 calciatori positivi. Eventuali altre indicazioni sono attese nel corso della giornata di domani.

La Reggiana, così come l’Ascoli, viene da una sconfitta di misura rimediata nell’ultimo turno. E, altra similitudine, anche in casa emiliana ci sono stati diversi malumori dovuti ad alcune decisioni arbitrali. Alvini vuole riscattarsi subito e riprendere la strada tracciata nelle prime due giornate, in cui la squadra ha conquistato quattro punti pareggiando col Pisa e vincendo a Chiavari. E’ probabile che il tecnico toscano si affidi ancora al collaudato 3-4-1-2, schieramento col quale i granata hanno ottenuto la promozione in B lo scorso luglio.

PRECEDENTI – L’ultimo precedente al “Del Duca” non evoca certamente bei ricordi nella mente dei tifosi bianconeri. Risale al 17 maggio 2015, quando piceni ed emiliani si trovarono di fronte nel primo turno degli spareggi playoff di C. La Reggiana si impose per 2-4 ai tempi supplementari eliminando l’Ascoli, che poi ottenne la promozione in B qualche mese dopo a causa degli illeciti commessi dal Teramo. In totale il bilancio parla di 3 vittorie del Picchio, 2 pareggi ed una sconfitta.

LE PROBABILI FORMAZIONI

ASCOLI (4-3-3): Leali; Pucino, Brosco, Avlonitis, Kragl; Cavion, Saric, Sabiri; Chiricò, Bajic, Cangiano. Allenatore: Bertotto.

REGGIANA (3-4-1-2): Cerofolini; Gyamfi, Espeche, Martinelli; Zampano, Muratore, Rossi, Kirwan; Radrezza; Mazzocchi, Kargbo. Allenatore: Alvini.

Arbitro: Meraviglia di Pistoia (assistenti Fiorito di Salerno e Berti di Prato, quarto ufficiale Camplone di Pescara).

Stadio: Del Duca, ore 21.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X