facebook rss

Bertotto: «Episodi lampanti
incommentabili,
non si è potuto giocare a calcio»

SERIE B - Oltre all'arbitro, sotto accusa anche le condizioni del terreno di gioco dell'Arechi. L'allenatore dell'Ascoli: «Nel secondo tempo ci siamo adattati, poi ho cambiato assetto per trovare vantaggi»

L’Ascoli pochi secondi prima del calcio d’inizio

di Claudio Romanucci

«Non mi piace commentare episodi talmente evidenti perché sarei stucchevole, lasciamo che parlino le immagini e chi di dovere. E’ stato palese che questa era una gara in cui non era possibile giocare a calcio a causa delle condizioni del terreno di gioco, eppure i ragazzi si sono adattati bene, puntando su duelli, contrasti e agonismo».

Bertotto

E’ l’aspetto che Valerio Bertotto ha rimarcato a Salerno nel dopogara facendo riferimento al rigore solare (sotto il diluvio) non concesso per l’entrata da tergo di Lopez su Cangiano. «Sotto questo aspetto sono stati bravi davvero e per questo a fine partita ho ribadito loro i miei complimenti per la capacità totale che hanno mostrato di adattarsi a una idea di gioco che non è la nostra. Certo, poi si sono verificate delle situazioni oggettive, a cui si è fatto già riferimento, ma non voglio sentire alibi, tutti devono restare focalizzati su quello che stanno facendo, il resto non è cosa che ci deve toccare. Oggi non si è potuto giocare a calcio, le condizioni del terreno sono cambiate radicalmente già a metà primo tempo, quindi si sono viste palle più lunghe, qualche rimpallo, giusto o sballato, e tanto agonismo. Nel secondo tempo ci siamo adattati alla situazione, la pioggia era incessante e il campo pesante, ho cambiato assetto per sfruttare situazioni che potevano diventare vantaggi, tutto va preparato e ribaltato come la lettura della partita deve prevedere. Oggi non si può parlare di calcio, ma di gara fisica».

Alle ragioni di Bertotto, va detto, si somma però il buon piglio dei granata che hanno avuto più occasioni da rete sia nel primo che nel secondo tempo, con l’aggiunta dei due legni con Tutino e Schiavone. Se si è trattata di gara fisica come sostenuto, questa nel complesso dei 95′ è stata ad appannaggio dei campani.

Ascoli, disco rosso (1-0) con la Salernitana: beffa doppia per il rigore negato nel finale

Due rinvii per Covid, Empoli primo, Pescara al tappeto


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X