Quantcast
facebook rss

Aneurisma viscerale,
intervento innovativo al “Mazzoni”

ASCOLI - In ospedale, su un paziente di 62 anni ricoverato in Medicina Vascolare. Ad eseguirlo l'Unità Operativa di Radiologia Interventistica dell’Area Vasta 5
...

Carlo Marinucci, il direttore generale di AV5 Cesare Milani, Maria Virginia Boni e Fabio D’Emidio

L’ intervento è stato eseguito presso la Unità Operativa di Radiologia Interventistica dell’Area Vasta 5, diretta da Fabio D’Emidio, afferente al Dipartimento dei Servizi del dottor Carlo Marinucci.

Durante la degenza, a un 62enne della provincia di Ascoli, l’Unità Operativa di Medicina Vascolare dell’Oospedale Mazzoni, diretta dalla dottoressa Virginia Boni, dalla esecuzione di indagini strumentali (angio Tac) è stato scoperto un aneurisma del tripode celiaco, ovvero di una dilatazione vascolare arteriosa sacciforme di 3 centimetri di diametro (circa 6 volte la norma) ad alto rischio di rottura, con potenziale shock emorragico.

Gli aneurismi del tripode celiaco (arteria che rifornisce fegato, milza e stomaco) rappresentano una lesione vascolare di riscontro relativamente raro (4% degli aneurismi delle arterie viscerali).

Il trattamento generalmente prevede un intervento di chirurgia a cielo aperto con alto rischio operatorio e lungo ricovero post-intervento; sono riportati in letteratura pochi casi di trattamento con tecnica endovascolare.

In accordo multidisciplinare si è proceduto ad eseguire l’intervento presso la sezione di Radiologia Interventistica con tecnica endovascolare.

La procedura è stata eseguita in sola anestesia locale dal responsabile della struttura dottor Fabio D’Emidio, coadiuvato dai dottori Paolo Pagano e Daniela Gabrielli, con personale infermieristico e tecnico di sala dedicato e adeguatamente formato.

Il dottor Fabio D’Emidio

Preliminarmente è stata effettuata una arteriografia diagnostica attraverso puntura retrograda dell’ arteria femorale all’ inguine, quindi attraverso  l’ausilio di cateteri e microcateteri dedicati è stata raggiunta la regione di interesse dall’ aorta addominale.

A questo punto è stato rilasciato nella sede dell’aneurisma uno stent ricoperto eparinato flessibile in PTFE. L’applicazione del “device” ha consentito di escludere (chiudere) del tutto l’aneurisma mantenendo  la pervietà dei vasi arteriosi a valle.  Durante l’ intervento durato globalmente circa tre ore il paziente è rimasto sveglio e successivamente è stato trasferito nel reparto di degenza in stabilità emodinamica ed in buone condizioni generali.

Il caso conferma come la tecnica endovascolare sia fattibile e sicura anche per il trattamento di lesioni vascolari complesse e che la collaborazione proficua fra entità mediche di discipline diverse può portare solo a risultati migliori con beneficio dell’ utenza anche in strutture ospedaliere periferiche.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X