Quantcast
facebook rss

Le imbratta la porta con foto hard, non lo ferma nemmeno il lockdown: arrestato

FERMANO - L'incredibile vicenda è iniziata nel 2017 e, forse, si è conclusa quando poliziotti della Squadra Mobile e Carabinieri lo hanno posto agli arresti domiciliari
...

E’ accaduto in un centro del Fermano. Si era invaghito di una donna sposata. Da tre anni la pedinava e tempestava di telefonate. Anche lui sposato – ed ora arrestato – non si è fermato nemmeno davanti ai bonari tentativi di riportarlo alla ragione da parte del marito e del figlio della donna, della donna e dei datori di lavoro. Si presentava sempre più spesso dinanzi al posto di lavoro della donna stazionando per ore intere.

Il Tribunale di Fermo

La chiamava sul cellulare e quando non gli rispondeva lasciava messaggi in segreteria. Le aveva imbrattato la porta di casa con ritagli di foto ricavate da riviste porno.

Alla fine, lo scorso anno, la donna lo ha denunciato. Ma lui ha proseguito. La donna è arrivata al punto di doversi fare accompagnare al lavoro sempre da qualcuno. Ma lui aspettava che l’accompagnatore si allontanasse per affrontarla e ingiuriarla.

Lo scorso marzo il Tribunale di Fermo gli ha intimato di non avvicinarsi alla donna e ai luoghi da lei frequentati, ed ha anche interessato i Servizi Sociali.

Nonostante il lockdown, lui ha violato sia le prescrizioni continuando a perseguitare la sua vittima, e una pattuglia della Polizia lo ha fermato e controllato nei pressi del luogo di lavoro della donna.

Gli hanno perquisito l’auto ed hanno trovato un punteruolo, un bastone, numerosi ritagli di foto ricavate da riviste porno e centinaia di “gratta e vinci” (usava anche quelli per imbrattare la porta di casa della donna).

La storia sembrava finita ma alcune settimane fa sono ricominciati gli atti persecutori. Allora le forze dell’ordine sono intervenute e il Tribunale stavolta ha deciso per gli arresti domiciliari. Quelli che hanno eseguito Squadra Mobile e Carabinieri.

Adesso finirà la storia? 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X