Quantcast
facebook rss

Covid e biblioteche,
esonero dalle quote 2020

LA MISURA DELLA REGIONE per chi aderisce al sistema bibliotecario. L'assessore Latini: «Risorse che restano sul territorio a difesa del sistema dei beni culturali»
...

Le biblioteche aderenti al sistema bibliotecario regionale sono esonerate dal versamento dell’annualità 2020. Lo ha stabilito la Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla cultura Giorgia Latini.

Esonero per le bibloteche

«L’esonero rappresenta un’ulteriore intervento, immediato e concreto, a favore di un sistema penalizzato dall’emergenza innescata dal Covid-19 -dice-. Una forma di ristoro che lascia a queste strutture risorse importanti per gestire l’attività sul territorio. La rinuncia delle quote di compartecipazione non penalizzerà i servizi, che verranno ugualmente garantiti dalla Regione attraverso propri fondi vincolati già reperiti».

Il sistema bibliotecario regionale, che impiega 1.200 persone, si compone di circa 330 biblioteche le quali versano annualmente circa 86.0o0 euro alla Regione per il rinnovo dell’adesione. Insieme ad altre regionali, le risorse vengono utilizzate per garantire servizi a tutte le strutture aderenti, consentendo la condivisione dei dati con le altre biblioteche e con il sistema bibliotecario nazionale.

L’assessore Latini

Attualmente la rete regionale opera attraverso due Poli: BiblioMarcheSud per le province di Fermo, Ascoli Piceno, Macerata e BiblioMarcheNord per quelle di Ancona e Pesaro e Urbino. L’obiettivo è quello di arrivare a un polo unico.

Gli importi versati sono differenziati per dimensione dei Comuni aderenti e per tipologia di biblioteca.

«La chiusura e le limitazioni di accesso imposte dalla pandemia non hanno impedito l’erogazione di servizi specifici, con costi gestionali che si sono sommati a quelli per le misure di sanificazione e distanziamento -evidenzia l’assessore Latini-. Con i fondi vincolati reperiti, la Regione ha ugualmente garantito le proprie prestazioni senza necessità di ricorrere alle quote che lasciamo sul territorio a difesa del sistema dei beni culturali marchigiani».

Nella delibera che autorizza l’esonero viene evidenziato come la crisi pandemica abbia imposto una modifica nell’erogazione di alcuni servizi, con una centralità per quelli digitali: in particolare, durante il lockdown si è registrato un aumento del 100% delle iscrizioni al servizio di biblioteca digitale, con il conseguente aumento delle visualizzazioni online del 300%.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X