facebook rss

Samb deludente a Ravenna (1-1):
vantaggio di Botta su rigore,
il pari nel recupero finale

SERIE C - I rossoblù non riescono a gestire il vantaggio e subiscono il gol a tempo scaduto. Squadra decisamente sottotono, nel primo tempo mai pericolosa. Solo l'ingresso di Botta ha dato vivacità alla manovra. Il portiere Nobile migliore in campo

Il rigore trasformato da Botta (foto Sambenedettese Calcio)

di Benedetto Marinangeli

Termina 1-1 la sfida del “Benelli” tra Ravenna e Samb. Un salomonico pareggio sancito nella ripresa dalle reti di Botta su rigore e di Ferretti al primo minuto di recupero. Bisogna però dire che è sta la formazione romagnola a rendersi maggiormente pericolosa con la Samb molto attendista e scarsamente incisiva dalle parti di Albertoni.

Senza Maxi Lopez e Bacio Terracino acciaccati, Zironelli conferma l’atteggiamento tattico di sabato scorso. Il 3-4-2-1 con Mawuli e Nocciolini a ridosso di Lescano. D’Angelo si posiziona sulla linea mediana a fianco di Angiulli con Lavilla e Malotti sugli esterni. Confermato il trio difensivo davanti a Nobile e cioè Cristini, D’Ambrosio e Di Pasquale. Botta è in panchina. Il neo tecnico del Ravenna Leonardo Colucci, invece ha come obiettivo il primo non prenderle. Non per nulla i romagnoli vantano la peggiore difesa del girone. Ed ecco quindi una linea arretrata a tre con gli esterni di centrocampo molto bassi ed il tandem offensivo composto da Mokulu e da Martignago preferito a Ferretti. Colucci deve anche fare a meno di Caidi infortunatosi nel corso del riscaldamento ed al suo posto c’è Shiba.

Sono i padroni di casa a rendersi per primi pericolosi al 12’ con un affondo di Martignago che entrato in area impegna Nobile nella respinta a terra. La Samb fa estrema fatica a costruire trame di gioco con il Ravenna che controlla agevolmente le sporadiche iniziative dei rossoblù. Al 27’ su corner di Papa, ci prova Alari di testa con il pallone che finisce docile tra le braccia di Nobile. La Samb si fa vedere 33’ pt con una punizione dalla distanza di Angiulli non distante dalla porta difesa da Albertoni. Tre minuti dopo è l’ex Mawuli ad avere l’occasione per fare male. Ma il controllo con il petto non è dei migliori con la sua conclusione, in piena area romagnola, che si perde alta sulla traversa.

Si chiude così senza particolari emozioni un primo tempo che vede una Samb sotto tono e in difficoltà anche nell’ uno contro uno. I rossoblù sono costretti così sempre a ripartire da dietro o ad affidarsi ai lanci lunghi dalla trequarti. Zironelli ad inizio ripresa cambia entrambi gli esterni con Liporace per Malotti e Scrugli per Lavilla. Al 10’ scocca l’ora di Ruben Botta e con l’ingresso del numero dieci la manovra rossoblù ne risente positivamente.

Zironelli a fine partita nella sala stampa del “Benelli” di Ravenna (foto Sambenedettese Calcio)

E’ però il Ravenna a rendersi pericoloso con Mokulu al 15’ ma è bravo Nobile a respingere. Tre minuti dopo viene annullato a Nocciolini il gol dell’ ex per una presunta posizione di fuorigioco. Otto minuti dopo ecco l’episodio che poteva cambiare volto alla partita. Conclusione in area di Nocciolini con la sfera che rimpalla tra Mokulu e Perri. C’è un tocco con un braccio e per l’arbitro è calcio di rigore. Dal dischetto Botta porta in vantaggio la Samb. Colucci inserisce anche Ferretti in avanti  passando al 4-3-3 con Zironelli che corre subito ai ripari mettendo Rocchi per Nocciolini e rinforzando così la linea mediana.

Il Ravenna si getta in avanti alla ricerca del pareggio. Al 36’ ci prova prima Ferretti ma la sua conclusione al volo di sinistro  si perde sul fondo. Poi è Martignago ad esaltare di nuovo le capacità reattive di Nobile che, al primo di recupero, però, nulla può sul sinistro di Ferretti lasciato solo in area. Finisce così 1-1 con tanta amarezza in casa Samb per una vittoria sfuggita in zona Cesarini con Colucci che conferma la tradizione positiva con la formazione rossoblù contro la quale non ha mai perso.

RAVENNA (3-5-2): Albertoni 6; Shiba 6, Alari 6, Zanoni 6; Franchini 5,5 (30′ st Ferretti 7), Bolis 6 (23′ st Vanacore sv), De Grazia 6,5, Papa 6, Perri 5,5 (39′ st Marozzi sv); Martignago 6, Mokulu 6. A disposizione: Salvatori, Raspa, Fiorani, Cesprini, Marra, Mancini, Sereni, Cossalter. Allenatore: Colucci 6,5.

SAMB (3-4-2-1): Nobile 7; Cristini 6 , D’Ambrosio 6, Di Pasquale 6; Lavilla 5 (1′ st Scrugli 5,5), Angiulli 6, D’Angelo 5 (10′ st Botta 6,5), Malotti 5 (1’st Liporace 5); Shaka Mawuli 6 Nocciolini 6,5 (32′ st Rocchi sv ); Lescano 5,5. A disposizione: Laborda, Biondi , Enrici, Chacon, Serafino Masini, Goicoechea, De Ciancio. Allenatore: Zironelli 6.

Arbitro: Pirrotta di Barcellona Pozzo di Gotto.

Reti: 29′st Botta su rigore (S), 46’st Ferretti (R).

Note: ammoniti  D’Angelo (S), Bolis (R), Liporace (S) e Mokulu (R). Angoli 7-2 per il Ravenna. Recupero: 0’+5′.

Il Padova cade e l’Alto Adige mette la freccia


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X