facebook rss

Calcio in lutto:
è morto Diego Maradona,
affrontò più volte l’Ascoli,
fu bianconero il fratello Hugo

CALCIO - La notizia ha sconvolto il mondo, non solo quello sportivo. Si trovava nella sua casa di Buenos Aires, aveva 60 anni. Il "Pibe de oro" aveva giocato più volte contro il Picchio, segnando anche dei gol, sia al "Del Duca" che al "San Paolo". Con il Picchio l'unica esperienza italiana di Huguito

Una rara immagine di Diego e Hugo Maradona avversari: è Napoli-Ascoli del 1987-1988

di Andrea Ferretti

E’ morto Diego Maradona. Lo ha annunciato il “Clarin”, il più importante quotidiano, secondo cui il “Pibe de oro” è deceduto in seguito a una crisi cardiorespiratoria mentre si trovava nella sua casa di San Andres, nella periferia di Buenos Aires. Viveva lì dopo essere stato dimesso dalla clinica dov’era stato recentemente operato al cervello. Sul posto sono sopraggiunte sei ambulanze.

Maradona aveva compiuto 60 anni pochi giorni fa, il 30 ottobre, e nell’occasione gli erano giunti gli auguri di tutto il mondo, sportivo e non.

Tra questi quelli di tutti i suoi ex compagni di squadra con cui aveva giocato nel Napoli tra il 1984 e il 1991, vincendo due scudetti nel 1986-1987 e nel 1989-1990.

Napoli-Ascoli 1986-1987: al “San Paolo” scambio di gagliardetti tra Maradona e Liam Brady capitano dell’Ascoli

Aveva affrontato, anche segnando, più volte l’Ascoli che in quegli anni militava in Serie A. La maglia bianconera dell’Ascoli l’hanno indossata alcuni suoi ex compagni, campioni del calibro di Bruno Giordano e Pedro Troglio, con i quali aveva giocato insieme nel Napoli, vincendo anche lo scudetto nel 1987, e nella Nazionale argentina, conquistando il secondo posto a Italia 90.

Di Diego Armando Maradona – insieme a Pelè il più grande calciatore di tutti i tempi – c’è un ricordo che lo lega ad Ascoli e all’Ascoli Calcio. Vestì infatti la maglia del Picchio il fratello Hugo, di nove anni più piccolo.

Era la stagione 1987-1988 e Huguito affrontò con l’Ascoli proprio il fratello fresco di scudetto col Napoli. A fine stagione 13 presenze. Fu quella la sua unica esperienza nel calcio italiano.

Ricordi indimenticabili e il grande orgoglio, per chi ha vissuto quell’epopea del grande Ascoli del presidente Rozzi, di aver visto all’opera – dal vivo – Diego Maradona sul terreno di gioco del “Del Duca”.

Uno stadio che ha ospitato tutte le big storiche del calcio italiano, tutti i più grandi campioni, sia italiani (Mazzola, Rivera, Riva giusto per non far torto nessuno) ma anche star mondiali del calibro di Gullit e Van Basten solo per citare il Milan che vinceva tutto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X