facebook rss

Mascherine in classe,
Il dottor Angelini (Area Vasta 5):
«Il beneficio giustifica
il potenziale disagio»

EMERGENZA CORONAVIURS - Il direttore del Sisp risponde alle preoccupazioni sull'utilizzo del dispositivo nella scuola primaria per tutta la durata delle lezioni. «Efficacia dell'85%. Le misure di prevenzione stanno bloccando anche le forme parainfluenzali tipiche del periodo»

 

di Maria Nerina Galiè

L’uso delle mascherine nella scuola primaria per tutta la durata delle lezioni può apparire una “tortura” per i piccoli. Si lancia l’allarme sul fatto che compromettono la salute, l’apprendimento e l’equilibrio psicologico del bambino. I genitori sono dibattuti tra il rispetto delle regole – affiancato dal desiderio di tutelare i figli dal contagio – ed i potenziali rischi. La domanda è: chi ha la meglio, sull’uso delle mascherine in aula, tra disagi e benefici?

Il dottor Claudio Angelini

A rispondere è il dottor Claudio Angelini, direttore del servizio Igiene e Sanità pubblica dell’Area Vasta 5, maggiore esperto di prevenzione e figura centrale nella gestione della pandemia.

«Premetto che non mi esprimo su eventuali problemi psicologici legati all’uso del dispositivo, così come è stato regolamentato, perchè non rientra nelle mie competenze.

Sul rischio per la salute invece, salvo casi di allergie, posso affermare che la mascherina non provoca nessun tipo di danno garantendo una corretta respirazione».

Poi scende nel dettaglio.

«E’ dimostrato che la mascherina, anche del tipo più semplice come la chirurgica, previene il contagio con una percentuale dell’85%, che si alza ulteriormente se ad indossarla sono tutti i soggetti a contatto.

La triade – mascherine, distanziamento di almeno un metro e lavaggio frequente delle mani – è l’unica difesa contro la diffusione del virus. Non smetterò mai di ripeterlo. La mascherina è ancora più importante laddove non è sempre facile garantire il distanziamento o una corretta igiene, come tra i bambini».

Il dottor Angelini rafforza il concetto.

«Queste misure sono alla base della prevenzione di tutte le malattie trasmissibili per via aerea. Non possiamo avere riscontri oggettivi con il Coronavirus, perchè nuovo.

Parliamo però di influenza stagionale.

Fa capolino solitamente proprio in questo periodo, quando si registra la diffusione di diverse forme parainfluenzali che precedono il picco della stagionale.  

Quest’anno non sta accadendo ed il fatto è senza dubbio correlato alle precauzioni che stiamo prendendo per difenderci dal Coronavirus».

Tra disagi e benefici sull’utilizzo della mascherina per tutto il tempo, a scuola, quindi da che parte farebbe pendere la bilancia? 

«A mio avviso il potenziale disagio viene superato dalla sicurezza».

Inevitabile infine chiedere al direttore del Sisp un commento sull’andamento dei contagi nel Piceno.

«Siamo ancora in fase di crescita, seppure rallentata. Ma se le cose continuano così penso che presto rivedremo la luce».

Mascherine a scuola, la Lega: «Rivedere la norma A rischio la salute dei ragazzi»

Mascherine a scuola, Latini scrive al Governo: «Bambini penalizzati nel pieno della crescita»

Uso delle mascherine a scuola, Donatella Forlini: «Rischia di fare più danni»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X