facebook rss

Ascoli-Pescara,
Breda batte Rossi:
«Partita da squadra vera,
dovevamo chiuderla prima»

SERIE B - La sfida tra gli esordienti in panchina è stata vinta dal tecnico veneto, che nel post partita si è congratulato coi suoi: «Ci siamo tolti il peso dell'ultimo posto in classifica, ma dobbiamo lavorare ancora tanto. I segnali sono positivi». Decisivo l'esperto attaccante Galano: «L'unico rammarico è non averla chiusa prima»

di Salvatore Mastropietro

E’ iniziata con una brutta sconfitta per 0-2 contro il Pescara l’avventura di Delio Rossi sulla panchina dell’Ascoli. Nonostante un arbitraggio discutibile da parte di Illuzzi che ha penalizzato i bianconeri, gli abruzzesi hanno pienamente legittimato il successo creando anche i presupposti per vincere con più margine. Solo un super Leali ha evitato un passivo più pesante.

Qualche timidissimo segnale di ripresa da parte di un paio di singoli nell’Ascoli non sono bastati a condizionare una prestazione apparsa ancora nel complesso ancora decisamente negativa. La sfida tra gli esordienti Roberto Breda e Delio Rossi è stata vinta dal tecnico veneto, che ha trovato dalla sua parte una squadra più pronta sia dal punto di vista mentale sia dal punto di vista tattico, nonostante fosse reduce da ben sette sconfitte nelle prime nove partite di campionato.

Roberto Breda

Esultano naturalmente i biancazzurri, vittoriosi al “Del Duca” per la seconda volta consecutiva.

Nel post partita Roberto Breda si è complimentato con i suoi, che dopo pochi allenamenti sono riusciti ad assimilare i concetti di gioco proposti: «Abbiamo disputato una partita da vera squadra – riporta Pescarasport24 – ed è una cosa che non è mai scontata. Adesso siamo al giorno 1 e ci siamo tolti dall’ultimo posto, ma dobbiamo continuare a lavorare. Dovevamo chiuderla prima perché altrimenti poi ti prendi rischi. Ho avuto buoni riscontri, questa squadra gambe importanti con grandi ripartenze. Sono contento per i due attaccanti ed anche per quelli che sono entrati. Dedico la vittoria ad Ernesto Sabatini (medico sociale degli abruzzesi scomparsi, ndr). Ora resta tanto su cui lavorare perché in fase di possesso diamo lacunosi».

Galano

Sulla stessa onda anche Galano, attaccante del Pescara e autore del gol dello 0-1 su calcio di rigore: «L’unico rammarico di questa partita – ha affermato ai microfoni di DAZN – sta nel fatto che potevamo chiuderla prima. E’ una vittoria importantissima per noi e per i tifosi, che ci tenevano a vincere questo derby. Finalmente abbiamo dimostrato di essere squadra. Mister Breda ci ha fatto lavorare su quei due tre concetti giusti da mettere in campo. Nelle scorse partite abbiamo sempre subito nella nostra metà campo, oggi invece abbiamo attaccato e creato diverse occasioni. Il gol? Per me è importantissimo, quando sento la fiducia riesco a rendere al meglio. Siamo stati bravi a sfruttare tutto quello che l’Ascoli ci ha concesso».

L’Ascoli non reagisce nemmeno col nuovo allenatore e al “Del Duca” passa (0-2) pure il Pescara

Serie B: Pescara tre passi avanti, Ascoli quasi sul fondo


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X