Quantcast
facebook rss

Screening di massa, in sei giorni
11.500 test e 22 esiti positivi

EMERGENZA CORONAVIRUS - Si è conclusa il 23 dicembre la prima fase della campagna "Marche Sicure" promossa dalla Regione, iniziata con i capoluoghi di provincia. Ad Ascoli l'ultimo giorno ha registrato la maggiore affluenza con 2.729 test di cui 8 positivi. Sono stati 59.643 in tutto i marchigiani che hanno aderito all'iniziativa
...

Si è conclusa ad Ascoli la campagna di screening di massa promossa dalla Regione Marche nell’ambito del progetto “Marche Sicure” che ha visto protagoniste, in questa prima fase, le città capoluogo di provincia.

Gli ascolani che hanno risposto all’appello (il tampone antigenico rapido era gratuito e su base volontaria) sono stati 11.513 con 22 positivi riscontrati.

I contagiati emersi erano asintomatici, poichè avere sintomi simili all’influenza (e quindi al Covid) era condizione di esclusione dal test.

Ieri, 23 dicembre, ultimo giorno è stato anche quello con maggiore affluenza nei punti prelievo allestiti nella Casa della Gioventù e nella palestra di Monticelli, dove si sono recati complessivamente 2.729 utenti tra cui 8 erano positivi.

«Al termine della sesta giornata di screening diffuso – ha annunciato l’assessore alla Sanità della Regione Marche, Filippo Saltamartinisono 14.079 le persone che oggi, mercoledì 23 dicembre, si sono sottoposte volontariamente al tampone rapido. Di queste, 69 sono risultate positive al tampone antigenico rapido e successivamente state sottoposte al tampone molecolare».

«»Ad esclusione della città di Ancona – ha aggiunto l’assessore regionale – dove lo screening proseguirà anche il 27, il 28 e il 29 dicembre sempre al Palaindoor, si è chiusa oggi per le città di Ascoli, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino la prima fase di screening che ha interessato le città capoluogo e che proseguirà poi a gennaio con le città in ordine decrescente per popolazione.

In totale fino ad oggi si sono sottoposti al tampone 59.643 marchigiani e sono state individuate 290 persone positive asintomatiche per cui si è attivato il percorso di assistenza sanitaria ordinario. Un grande lavoro che ha tenuto impiegate tantissime persone, dai medici agli infermieri, dagli operatori sanitari ai tanti volontari, che ringrazio per l’impeccabile organizzazione in tutte le strutture interessate».

In totale la percentuale di positività nelle Marche è pari allo 0,5% mentre la percentuale di adesione sulla popolazione target è del 18,8%. I casi positivi rilevati sono stati sottoposti al tampone molecolare.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X