Quantcast
facebook rss

Arengo, ok al bilancio
di previsione 2021
Un super poliziotto
nello staff del sindaco

ASCOLI - Si tratta del prefetto in pensione Alessandro Valeri, già responsabile della segreteria del Capo della Polizia. Tutti i numeri dei conti del Comune
...

di Renato Pierantozzi

Via libera al bilancio di previsione 2021 del Comune di Ascoli e una new entry di peso nello staff del sindaco Marco Fioravanti.

Sono gli ultimi “botti” dell’anno prima della fine del 2020 segnato drammaticamente dall’emergenza Covid che ha messo a dura prova anche la resilienza delle amministrazioni locali alle prese con il riverbero delle decisioni nazionali (lockdown) e la necessità di assicurare la tenuta sociale per le fasce più deboli.

La new entry nello staff di Fioravanti è l’arrivo del prefetto in pensione Alessandro Valeri, 72 anni, nativo della provincia di L’Aquila, ma residente a Folignano e per tanti anni in servizio alla Questura di Ascoli. Poi il trasferimento a Roma, al Viminale, e una sfolgorante carriera culminata con la nomina a Prefetto e responsabile della segretaria del Capo della Polizia, a strettissimo contatto con il ministro dell’Interno.

Valeri, di recente, è stato poi commissario prefettizio al Comune di Angri (Salerno).

In passato si era anche parlato anche di una sua possibile candidatura a sindaco all’Arengo, ma fu poi seccamente smentita dal diretto interessato.

Il sindaco Marco Fioravanti

Il Prefetto non riceverà compensi (peraltro vietati dalla Legge Madia per i pensionati) per il suo incarico nello staff di Fioravanti.

Tra le motivazioni indicate nel decreto di nomina firmato dal sindaco c’è la necessità di “acquisire le competenze di soggetti qualificati in possesso di esperienza e professionalità per assistere lo scrivente e l’Amministrazione nel raggiungimento degli obiettivi indicati nelle linee programmatiche di mandato approvate con delibera di Consiglio comunale n. 50 del 28.11.2019”.

Passando al bilancio, dalle carte è possibile scorgere i numeri significativi del conto economico.

Sono previste entrate per 205 milioni tra avanzo di amministrazione (4,1), tributi (33,7), trasferimenti (18,1), introiti extra tributari (16,6) e in conto capitale (81,2) oltre a prestiti (4), anticipazioni di tesoreria (20) e partite di giro (31,2).

Tra le uscite ci sono spese correnti per 65,2 milioni, in conto capitale (89), rimborso prestiti (4 milioni), chiusura anticipazioni di tesoreria (20 milioni) e uscite per conto terzi/partite di giro (31,2 milioni).

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X