Quantcast
facebook rss

Samb, parla Improta:
«La Serie C ci sta stretta,
entusiasta di essere qui»

SERIE C - Il nuovo direttore tecnico: «Ho sempre inteso una squadra di calcio come una grande famiglia. Deve avere un unico obiettivo, andare d’accordo e remare nella stessa direzione, solo così si possono ottenere buoni risultati». Mercato: si stringe per Schelotto. Col Padova arbitra Natilla di Molfetta
...

di Benedetto Marinangeli

Gianni Improta è arrivato oggi martedì 12 gennaio in Riviera ed ha visto all’opera i rossoblù al Samba Village.

Il neo dt Improta (foto Sambenedettese Calcio)

«Come non potrei essere entusiasta? San Benedetto è stata sempre una piazza considerata come una delle più importanti del calcio –queste le prime parole del nuovo direttore tecnico rivierasco- e magari l’attuale categoria sta un po’ stretta alla piazza. E poi ho avuto anche l’onore di giocare contro la Sambenedettese. Non dico quando altrimenti si comprende la mia età. Una tifoseria passionale che incuteva anche timore quando si poteva stare sugli spalti dello stadio. Purtroppo al momento a causa del Covid i tifosi devono stare lontano, ma speriamo che le cose migliorino. Si intravede già qualcosa con il presidente  federale Gravina che ha detto che chi è vaccinato pian piano potrà tornare allo stadio».

Impronta ha parole al miele per il presidente Serafino.

Schelotto nel mirino della Samb

«Lo conosco da tanti anni e con lui ho avuto una bella e disinteressata amicizia -spiega-. Quando ha fatto capolino nel mondo del calcio c’è stato tra di noi un pour parler . E poi, quando ha deciso di interrompere il rapporto con alcuni collaboratori mi ha invitato e, sono sincero, non ho esitato, anche se fino a qualche giorno fa appartenevo ad un’altra gloriosa società della nostra categoria, ovvero la Juve Stabia, dove ho lasciato, penso, un bel ricordo. La decisione è stata un po’ sofferta ma anche immediata, perché con il presidente c’è un bel rapporto che va al di là dei ruoli».

Improta, infine, guarda alla sua nuova esperienza con la Samb.

«Sono contento di questa scelta ed anche di avere trovato un’ospitalità degna delle persone per bene. Io ho sempre inteso una squadra di calcio come una grande famiglia. Deve avere un unico obiettivo e cioè andare d’accordo e remare nella stessa direzione, solo così si possono ottenere buoni risultati. E se dall’esterno si vedono questi atteggiamenti, saranno sempre apprezzati».

MERCATO – Oggi Serafino si è incontrato con i calciatori per un summit di mercato. L’intenzione del patron è quella di rinforzare la Samb ma anche a fronte di qualche partenza. Su Scrugli c’è l’interesse della Cavese, mentre procede la trattativa per portare in rossoblù Ezequiel Schelotto. Sull’ esterno italo-argentino c’è anche l’interessamento del Cosenza, ma l’amicizia che lo lega a Ruben Botta e Maxi Lopez potrebbe alla fine fare pendere la bilancia in favore della Samb.

ARBITRO – Samb-Padova di domenica prossima sarà diretta da Fabio Natilla di Molfetta (Maninetti-Feraboli, quarto uomo Di Cairano di Ariano Irpino).

GHIRELLI CONFERMATO – Francesco Ghirelli ha battuto con 49 voti il rivale Andrea Borghini, ex amministratore delegato della Carrarese, che ne ha ricevuti 3. Quattro le schede bianche e un astenuto. Ghirelli è dunque confermato alla guida della Lega C. Era stato eletto la prima volta a novembre del 2018. I due posti da vicepresidente sono andati al giornalista economico-sportivo Marcel Vulpis (vice presidente vicario) e al dirigente di “Sport e Salute” Luigi Ludovici. Nel direttivo Alessandra Bianchi (Padova), Mauro Bosco (Vis Pesaro), Angelo D’Agostino (Avellino), Orazio Ferrari (Pistoiese), Antonio Magrì (Virtus Francavilla) e Patrizia Testa (Pro Patria).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X