Quantcast
facebook rss

Le pagelle dell’Ascoli:
Quaranta il migliore,
poi il solito Leali (Le foto)

SERIE B - Il giovane difensore autentica rivelazione nonostante il periodo nero. Davanti a Leali, che ci mette una pezza in più di una circostanza, regge la difesa. Bene  anche Eramo trequartista, ma l'attacco non va
...

Una parata decisiva di Leali

di Andrea Ferretti

(foto Ascoli Calcio)

Leali 6,5 – Ci mette una pezza in più di una circostanza. Particolarmente impegnativi i tiri dalla distanza di Gargiulo e Vita. Fortunato sulla conclusione ravvicinata di Tsadjout.

Pucino 6 – Qualche piccola sbavatura in una gara nel complesso ordinata.

Brosco 6 – In marcatura su Tsadjout, lo tiene a bada facendo valere esperienza e fisicità. Un suo colpo di testa, non perfetto, diventa lo sfortunato assist per Tavernelli che firma il gol da tre punti.

Lico, Buchel e Quaranta

Quaranta 7 – Altra partita impeccabile per il giovane difensore abruzzese che controlla senza sbavature il temibile Ogunseye. Si è rivelato in un momento purtroppo negativo per la squadra, ma ci si chiede ancora perchè da inizio stagione fosse stato messo da parte.

Kragl 5,5 – Prova a rendersi pericoloso sui calci piazzati senza riuscirci. Nel complesso troppo poco propositivo, si limita alla fase difensiva che non è certo il suo forte.

Gerbo 6 – Spiana la fascia destra con generosità. Va anche al tiro sfiorando il gol. Cala nella ripresa e nel finale lascia il posto a Chiricò.

Buchel 5,5 – Mette ordine a centrocampo sbagliando poco, ma senza fantasia, e non riesce quasi mai a verticalizzare verso le punte.

Saric 6 – Meglio nel primo tempo dove lotta su ogni pallone. Nel secondo, con l’ingresso di Lico, va a fare il trequartista, ma un duro colpo alla coscia compromette il resto della sua gara.

Eramo 6,5 – Schierato dietro le punte con compiti di inserimento e disturbo al fraseggio di Iori e compagni. Disputa un’ottima gara rendendosi anche pericoloso dalle parti di Maniero.

Tupta 5 – Corre molto sacrificandosi in pressing sui difensori veneti. Ne risente in fase offensiva dove sembra poco lucido e sbaglia tanto.

Tupta

Bajic 5,5 – Alla resa dei conti risulta il più pericoloso dell’Ascoli. Si mangia un gol dopo meno di due minuti, poi impegna ancora Maniero ad inizio ripresa con un diagonale sul primo palo. Dopo 70’ minuti lascia il posto a Cangiano: da quel momento l’Ascoli non sarà più pericoloso.

Lico (dal 25’st) 5 – Subentra ad Eramo e va a fare la mezzala sinistra. Pochi palloni giocati e qualche errore di troppo.

Cangiano (dal 25’st) 5  – Gettato nella mischia per vivacizzare la fase offensiva, ma il giovane attaccante non ci riesce.

Chiricò, Pierini e Pinna (dal 38’st) S.V. –

Sottil 5,5 – Prima sconfitta sulla panchina dell’Ascoli. Mossa azzeccata Eramo sulla trequarti. Fa invece discutere la sostituzione di Bajic, il più pericoloso dell’Ascoli fino a quel momento.

L’Ascoli sconfitto 1-0 a Cittadella: restano rabbia e ultimo posto


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X