facebook rss

Eliambulanza di notte sui tetti di Ascoli:
i piloti si esercitano ad intervenire al buio

ASCOLI - E' ormai imminente l'attivazione del volo notturno. Autorizzata la piazzola Soi della Protezione Civile, pronte altre basi in area montana e sono in fase di collaudo altri punti di atterraggio come i campi sportivi per capillarizzare il servizio. Ma manca il via libera per la pista del "Torrette". Il punto con il direttore del 118 Postacchini

Germano Rocchi, direttore del servizio elisoccorso delle Marche

 

Elicotteri che sorvolano di notte i tetti di Ascoli: si tratta dell’eliambulanza con a bordo i piloti che si stanno addestrando per l’intervento notturno, come è nei piani dell’Asur dal post sisma.

Lo hanno confermato Germano Rocchi, direttore del servizio eliambulanza delle Marche, e Flavio Paride Postacchini, direttore della Centrale Operativa del 118 di Ascoli, preposto all’attivazione del velivolo di soccorso sia per il Piceno che per il Fermano.

Per potenziare il servizio di emergenza sono state realizzate basi di atterraggio, predisposte per il volo al buio, in diverse località delle Marche, soprattutto nelle aree interne più scomode da raggiungere e più lontane dai principali centri ospedalieri.

Sono già state avviate, alcune concluse, sette nuove basi, a Comunanza, Arquata, Montegallo e Montemonaco nel Piceno, Montegiorgio nel Fermano, Visso e Fiastra nel Maceratese.

Saranno 34 in tutta la regione le piste abilitate all’atterraggio di notte, 27 delle quali già esistenti ed in fase di adeguamento.

Il dottor Postacchini, al centro tra le forze dell’ordine all’inaugurazione della pista di Comunanza (con il tricolore, il sindaco Cesaroni)

«Una buona rete di 118 è una garanzia alla funzionalità del sistema emergenza», ha detto il dottor Postacchini a Cronache Picene (leggi qui).

E il volo notturno dell’eliambulanza ne sarà parte integrante tra pochi giorni. O almeno si spera. Perchè le piste sono quasi tutte pronte (leggi qui l’intervista al dottor Germano Rocchi sull’attivazione del volo notturno)

«L’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) – spiega il direttore del 118 – ha approvato la piazzola Soi della Protezione Civile di Ascoli, in zona Pennile di Sotto. Sto aspettando la ratifica del via libera all’utilizzo. Nel frattempo i piloti stanno facendo addestramento. Ecco perchè si sentono volare sui tetti della città.

La prossima settimana ci sarà il collaudo di punti di atterraggio non standard, come il campo sportivo di Grottammare. L’obiettivo ormai vicino è di avere zone baricentriche su tutto il territorio. Oltre alle aree montane, dove le basi sono state realizzate, o in corso d’opera, sono state individuate aree come il campo sportivo di Grottammare, per la Val Tesino, di Offida per la Vallata del Tronto e il campo sportivo di San Benedetto». 

Il problema però è un altro, sottolinea Postacchini.

«Manca il via libera all’abilitazione del volo notturno nella pista del “Torrette” di Ancona. Al momento, se l’eliambulanza si attivasse di notte dovrebbe atterrare all’aeroporto di Falconara per essere trasferito all’ospedale di Ancona con l’ambulanza. Ecco quindi che viene azzerato il vantaggio dell’attivazione del velivolo di soccorso rispetto al trasporto su gomma». 

m.n.g.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X