Quantcast
facebook rss

Castignanese, entro febbraio
la fine dei lavori
e di un incubo per i cittadini

VIABILITA' - A dirlo è Fabio Polini, sindaco di Castignano dopo l'ultimo tavolo tecnico con l'Anas. «Resto però in attesa di una nuova riunione». «Anche l'ambulanza della Potes di Offida, impiega il doppio del tempo per prestare soccorso»
...

Il cantiere sulla Castignanese

di Simone Corradetti
Si vede una luce in fondo al tunnel, o meglio sulla strada provinciale Castignanese, chiusa al traffico dalla scorsa estate, a causa delle numerose frane e smottamenti sulla carreggiata, che presentava da anni evidenti problemi idrogeologici. (Leggi qui come stavano le cose a Natale)
«La riapertura alla circolazione del traffico non andrà oltre la fine di febbraio». A dirlo è Fabio Polini, sindaco di Castignano, che più volte sollecitato la Provincia di Ascoli, e l’Anas che detiene la titolarità dei lavori.
«Ci sono stati diversi tavoli tecnici con l’Anas in municipio – ha spiegato il primo cittadino – che prima non avevano portato a grandi risultati. Stavolta mi hanno dato la garanzia di non andare oltre i prossimo mese con i lavori.
Nonostante la buona notizia, resto comunque in attesa di una nuova riunione con le autorità preposte per la risoluzione immediata del problema. 
La nostra comunità ha avuto gravi disagi per i trasporti quotidiani e per il 118, visto che l’ambulanza della Potes di Offida, impiega il doppio del tempo normalmente previsto».
Sono state numerose le proteste dei cittadini che vivono nei comuni di Offida e Castignano, considerati i disagi che ogni giorno devono affrontare per recarsi sul posto di lavoro.
Infatti, le deviazioni stradali  che riconducono sulle provinciali Valtesino, Mezzina, ed Appignanese, costringono le autovetture e i mezzi pesanti, ad affrontare una serpentina di curve infinite che mettono a rischio l’incolumità pubblica.
Sul fronte dell’emergenza Coronavirus «che non ha risparmiato nessuno – ha concluso Polini – ci auguriamo che questo calvario finisca presto con la fattiva collaborazione di tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X