facebook rss

Carnevale 2021:
un insolito “Coronavirus”
sfida le restrizioni e si erge
a paladino della libertà (Le foto)

ASCOLI - C'è chi non ha rinunciato a portare la sua gag in Piazza del Popolo, che si è presentata in una veste inedita per il mancato evento che ogni anno accoglie migliaia di spettatori

 

di Maria Nerina Galiè

Che il Coronavirus sarebbe stato il protagonista incontrastato del Carnevale 2021 si dava per scontato. La sorpresa (ma nemmeno più di tanto) è stata quella di trovarselo davanti in un’inedita Piazza del Popolo di Ascoli, vuota dai colori e dal travolgente divertimento della domenica di Carnevale.

Zero festeggiamenti nell’anno della pandemia. Difficile da accettare in una città dove l’evento coinvolge la popolazione come in pochi altri casi.

Infatti c’è chi non ha resistito ed ha inscenato la gag, restando in tema emergenza sanitaria. E lo ha fatto pure in chiave “polemica”, si fa per dire: «Non dobbiamo sottostare alla dittatura sanitariaha affermato un convinto “Coronavirus”le libertà individuali sono inviolabili come il diritto di esercitare ciascuno la propria volontà che non può essere vincolata da decreti e convincimenti di terzi».

In soldoni?

«Chi si vuole mascherare, si maschera».

Il simpatico gruppo, di cui facevano parte due “scienziati” che discutevano di “vacs” e “no vacs” in chiave bovina, non è stato l’unico a perpetrare la tradizione ascolana.

C’erano anche l’inequivocabile “lavoratrice” in… Smart working e lo studente vittima della didattica distanza, tanto da diventare… un “Asino”.

Vogliamo parlare anche di “Musicisti” rassegnati ad esibirsi senza pubblico? Le note uscivano loro dalla testa, tanto sono state compresse dai divieti.

E’ arrivato da “Guerre Stellari” C-3PO accompagnato dal piccolo robot R2-D2. O forse si sta preparando a lasciare la terrà, visto quello che sta accadendo ultimamente.

Nessuna festa, poche persone in Piazza del Popolo per la domenica di Carnevale in piena emergenza sanitaria. Pieni, come ogni giorno di festa, pandemia o non pandemia, i tavoli dei pubblici esercizi che invece occupavano buona parte del salotto buono. Pure strapiene le  logge, ad offrire riparo dal freddo pungente.

Carnevale, San Valentino, prima il Natale e il Capodanno. Nulla sembra essere più come prima e chi prova a tornare ad un’anelata  normalità, non passa inosservato.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X