facebook rss

Al mercato di San Benedetto
stava arrivando pesce mal conservato
da Molfetta: blitz della Polstrada

INDIVIDUATO un piccolo autocarro al casello della A14, che stava raggiungendo la Riviera, sprovvisto di impianto di refrigerazione. A bordo un quintale di pesci e crostacei. Intervenuti anche Capitaneria di Porto e il Servizio veterinario dell'Asur

La Polizia Stradale di San Benedetto intercetta e sequestra un carico abusivo di pesce congelato, non idoneo all’alimentazione, destinato al mercato locale di San Benedetto.

E’ avvenuto nel corso dei normali controlli a campione del traffico veicolare predisposti al casello autostradale dell’autostrada A14.

E’ stato fermato e perquisito un piccolo autocarro che trasportava quasi un quintale di pesce e crostacei congelati, conservati in modo assolutamente non idoneo.

Il mezzo infatti non era dotato dell’impianto di refrigerazione, previsto per legge e necessario a mantenere inalterata la catena del freddo, ma solo dotato di una struttura coibentata frigorifera idonea eventualmente al trasporto di alimenti freschi ma non surgelati.

I prodotti ittici provenivano da Molfetta (Bari) ed erano diretti al commercio locale di San Benedetto.

I poliziotti a quel punto hanno chiesto l’intervento anche della Capitaneria di Porto di San Benedetto e del Servizio veterinario della Asur di Ascoli. Gli addetti dell’Asur hanno esaminato il carico e deciso che quel pesce non poteva essere destinato al consumo alimentare poichè potenzialmente molto dannoso dannoso per la salute.

Il carico è stato sequestrata e poi distrutto. Il conducente si è beccato una denuncia penale e, a proposito di pesce, una… salata sanzione amministrativa.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X