Quantcast
facebook rss

Premio Osvaldo Licini
by Fainplast

ASCOLI - L’azienda affianca l’associazione Arte Contemporanea Picena che, in collaborazione con il Comune, è artefice dell’iniziativa che ha l’obiettivo di potenziare la Galleria d'arte moderna e contemporanea intitolata a Osvaldo Licini, e omaggiare il maestro scomparso 63 anni fa
...

A corollario del “Premio Licini by Fainplast”, anche una residenza chiamata “Hotel Licini” e le nuove Radio e Tv Licini, oltre a un ricco programma triennale di eventi e mostre per sostenere la candidatura di Ascoli a capitale italiana della Cultura 2024.

La galleria Licini

Il Premio è dedicato alla pittura italiana e vuole o far emergere giovani talenti oppure dare un riconoscimento ad un grande maestro. Condizione essenziale è che i candidati abbiano partecipato ad almeno un grande evento (biennali, quadriennali, manifestazioni di pari livello o una grande mostra in Italia o all’estero). L’associazione “Arte Contemporanea Picena” ha invitato cinquanta professionisti dell’arte contemporanea, tra curatori, critici, collezionisti, direttori di museo, galleristi, giornalisti di settore a segnalare il nome di un’artista che nell’anno 2020 si sia messo in luce o che abbia alle sue spalle una carriera importante. Da questo carnet di nomi l’associazione, in base al numero di segnalazioni ricevute, indicherà i primi cinque artisti.

Tra questi la giuria – composta da Caterina Celi Hellstrom (figlia adottiva della moglie di Osvaldo Licini), Stefano Papetti (direttore dei Musei Civici di Ascoli), Donatella Ferretti (assessore comunale alla cultura), dal curatore della mostra del “Premio Osvaldo Licini by Fainplast” e da Roberta Faraotti, responsabile relazioni esterne di Fainplast.

Al vincitore sarà dedicata una mostra personale all’interno del “Museo Licini”, il catalogo della stessa e verrà conferito un premio in denaro. La prima mostra è programmata a dicembre 2021.

Ma il progetto non si ferma qui, perchè il vincitore avrà l’opportunità di sviluppare il suo progetto di mostra durante una residenza che avrà luogo all’Hotel Licini, nella torre del Polo Sant’Agostino, documentata passo passo, come tutte le attività connesse al Premio, dalle Radio e Tv Licini.

La Fainplast

FAINPLAST

Dal 1993 è una delle principali realtà industriali del territorio ascolano e delle Marche. Fondata da Battista Faraotti, che oggi la guida insieme ai figli Roberta e Daniele, è una realtà leader nel settore del compound, che unisce competenze all’avanguardia alla capacità di innovazione. Innovare per Fainplast non significa solamente investire nella crescita commerciale, ma anche e soprattutto sul fattore umano, sui dipendenti e sul territorio in cui l’azienda è nata e si è sviluppata. Questa mission ha portato Fainplast a sostenere nel corso degli anni tante iniziative e progetti culturali, mostre d’arte e eventi artistici ad Ascoli e nel Piceno.

La situazione attuale rappresenta uno stimolo e una sfida a fare sempre di più e sempre meglio e, vista anche la candidatura di Ascoli a “Capitale italiana della Cultura 2024”, Fainplast ha deciso di dare il suo completo sostegno al neonato “Premio Licini” che diventa quindi “Premio Osvaldo Licini by Fainplast”.

Roberta Faraotti

L’obiettivo dell’azienda, con una diretta partecipazione in questo importante progetto, è non solo sostenerlo economicamente, ma anche prendere parte attivamente al suo sviluppo e a tutte le sue fasi e, nel corso degli anni e delle edizioni, poter arricchire la “Collezione Faraotti” collaborando con gli artisti vincitori del Premio.

«Siamo onorati di poter sostenere questo premio, perché è un progetto comune che nasce insieme a tutti i soggetti coinvolti – la Galleria d’arte contemporanea Osvaldo Licini, Il Comune e noi di Fainplast – con l’obiettivo condiviso di creare un’iniziativa che possa crescere nel corso degli anni e richiamare visitatori e turisti in città, un aspetto quest’ultimo fondamentale per la nostra Ascoli Piceno, visto il periodo di difficoltà che sta attraversando a causa della pandemia». Lo dice Roberta Faraotti, responsabile relazioni esterne del Gruppo Fainplast, che aggiunge: «Promuovere il Premio Licini vuole essere un’ulteriore dimostrazione della nostra vicinanza al territorio, soprattutto in questo caso in cui si vuole celebrare un artista quale Osvaldo Licini la cui rilevanza è riconosciuta a livello internazionale, affinché possa essere anche una delle punte di diamante della candidatura di Ascoli Piceno a Città della Cultura 2024».

La Galleria “Licini” scalda i motori Nuova veste, mostre, incontri e un premio dedicato al maestro


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X