Quantcast
facebook rss

Tirreno Adriatico al via:
gran finale sul lungomare
di San Benedetto

CICLISMO - L’edizione numero 56 della "Corsa dei Due Mari" transiterà sulle strade fermane lunedì 15 marzo, poi il rush finale con la crono sulla Riviera delle Palme. In lizza anche le due maglie iridate Alaphilippe e Filippo Ganna. Tutti i dettagli
...

di Tiziano Vesprini

Dopo la mitica tappa “Dei Muri Fermani” di domenica 12 marzo 2017, con la scalata del Girfalco dove era stato posto lo striscione di arrivo ecco che la Tirreno Adriatico 2021 – edizione numero 56 – ritornar a ritingere la striscia di arrivo ancora nel territorio comunale di Fermo.

Una partenza della crono a San Benedetto

Tappa numero 6 che partirà da Castelraimondo ed arriverà sul litorale di Lido di Fermo dopo 156 chilometri, penultima della serie, disegnata, così dicono, per velocisti per un possibile arrivo a ranghi compatti, ma che, invece, potrebbe riservare delle sorprese nel finale, visto che per due volte si dovrà salire a Fermo città, prima di affrontare quattro volte l’insidioso circuito finale di Contrada Alberelli con ben quattro ascese del primo chilometro del circuito del Gran Premio ciclistico di Capodarco, all’interno della frazione San Michele.

Tirreno Adriatico 2021 che entrerà nella provincia di Fermo a Montegranaro, provenendo da Monte San Giusto (Macerata), quindi primo passaggio a Fermo attraversando Campiglione e scendendo poi a San Marco alle Paludi e Lido Tre Archi con il primo passaggio sotto lo striscione di arrivo di Lido di Fermo. Carovana ciclistica che tornerà poi la seconda volta a Fermo città passando per il lungomare di Porto San Giorgio, il quartiere Salvano e percorrendo la Provinciale Pompeiana. Nuova picchiata per il secondo passaggio a Lido di Fermo attraversando di nuovo San Marco alle Paludi e Lido Tre Archi. Gran finale sul circuito del Grappolo d’oro di Contrada Alberelli da percorrere quattro volte.

Arrivo previsto tra le 15 e le 16: diretta Rai dalle ore 13,15 su Rai Sport e poi su Rai Due.

La “Corsa dei Due Mari”  parte mercoledì 10 marzo, con la tappa per buona parte pianeggiante nella cittadina toscana di Lido di Camaiore di 156 chilometri.

Giovedì, seconda tappa lunghissima di 227 chilometri da Camaiore a Chiusdino, in provincia di Siena, con due gran premi della montagna molto impegnativi e arrivo in salita a quota 522 sul livello del mare.

Terza frazione di venerdì 12 marzo, da Monticiano (Siena) a Gualdo Tadino (Perugia) di 189 chilometri caratterizzata solo da una lunga ma non difficilissima ascesa finale e quindi arrivo adatto ad ogni tipo di soluzione finale.

Sabato 13, la quarta tappa, per scalatori puri da Terni alla località sciistica abruzzese di Prati di Tivo di 148 chilometri che vedrà i ciclisti prima affrontare la difficilissima salita del Passo delle Capannelle (1.299 metri di altitudine) posto nel luogo più alto transitabile del Gran Sasso, quindi gran picchiata fino a quota 422 sul livello del mare e immediatamente gran finale di 25 km per raggiungere quota 1.450 di Prati di Tivo con ben 22 tornanti di montagna da affrontare. Sicuramente questa la giornata che potrebbe decidere le sorti finali di questa gara a tappe o almeno selezionare i possibili vincitori finali.

Domenica 14, vigilia della tappa fermana, da Castellalto (Teramo) alla cittadina marchigiana delle fisarmoniche di Castelfidardo di 175 chilometri. Altimetria di tale giornata apparentemente poco apprezzabile, che però nasconde le insidie del muro cittadino finale a doppia cifra da percorrere ben cinque volte, da fare dopo la faticosissima tappa di montagna del giorno precedente, che potrebbe fare saltare il banco a chi pensava di avere già in mano l’intera posta in palio.

Simon Yates primo a San Benedetto nel 2020

Lunedì 15, la sesta e penultima tappa, da Castelraimondo a Lido di Fermo che non deciderà sicuramente il vincitore finale ma comunque agonisticamente molto divertente da seguire.

Frazione conclusiva, la settima, come consuetudine sulla Riviera delle Palme, a San Benedetto, che, come consuetudine, si tratterà di una breve cronometro individuale che quest’anno avrà un radicale cambiamento di percorso, causa problematiche Covid. A differenza delle scorse edizioni dove partenza e arrivo erano posti all’interno della centralissima pineta cittadina, quest’anno il luogo di partenza è stato spostato nell’area antistante lo stadio Riviera delle Palme, mentre non è cambiato il luogo di arrivo ma è cambiato il senso da cui arriveranno i corridori e cioè da sud a nord. Lo scorso anno si impose il britannico Simon Yates davanti a Geraint Thomas e Rafal Maica. Successo italiano che manca dal 2013 con Vincenzo Nibali, già vincitore anche l’anno precedente.

I BIG – Lotto dei partecipanti qualificatissimo come non mai. Presenti, entrambi le attuali maglie iridate, il francese Alaphilippe e il nostro cronoman Filippo Ganna, il britannico Simon Yates vincitore dell’ultima edizione, l’ex tre volte campione del mondo Peter Sagan, l’ultimo vincitore del Tour de France Matej Pogachar, il colombiano Nairo Quintana due volte vincitore della Tirreno Adriatico, così come l’olandese Adry Van der Poel che ha trionfato sabato scorso in Piazza del Campo a Siena nella terribile Strade Bianche e molti altre famose ruote veloci internazionali. Colori azzurri nazionali che verranno difesi, tra gli altri, dal siciliano Vincenzo Nibali e dal suo fido compagno di squadra Giulio Ciccone, così come da Pozzovivo, Formolo, Caruso e Ballerini. Affamato come mai di tornare al successo, dopo un 2020 deludente, ci sarà il velocista Elia Viviani che insieme a Randon Gaviria faranno esplodere gli arrivi a ranghi compatti.

I TEAM – Venticinque i team professionistici al via, di cui due italiani (Androni/Sidermec e Eolo/Kometa), 5 francesi, 4 belgi, 2 tedeschi e americani e una ciascuno per Australia, Kazakistan, Bahrain, Russia, Gran Bretagna, Israele, Olanda, Spagna, Sud Africa e Emirati Arabi.

LE CLASSIFICHE – Cinque le classifiche generali previste Individuali: A tempo (maglia azzurra), A punti (ciclamino), Gran Premi della Montagna (verde), Giovani (bianca), A squadre (Super Team).

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X