Quantcast
facebook rss

Sanità, gli assessori regionali
Castelli e Baldelli: «Il sud
delle Marche merita attenzione»

PICENO - Sopralluogo negli ospedali di Ascoli e San Benedetto. Ribadito il no all'ospedale unico e promessi finanziamenti e strategie. Ai due incontri erano presenti Cesare Milani, i sindaci Marco Fioravanti e Pasqualino Piunti, l'onorevole Lucia Albano e i consiglieri regionali Andrea Maria Antonini e Andrea Assenti
...

Visita dell’assessore regionale al Bilancio Guido Castelli al “Mazzoni” di Ascoli  e al “Madonna del Soccorso” di San Benedetto e del collega, assessore all’Edilizia sanitaria Francesco Baldelli, oggi 13 marzo.

Un doppio incontro, nel quale è stato ribadito il no all’ospedale unico e promessi finanziamenti, alla presenza del direttore di Area Vasta 5 Cesare Milani, dei sindaci Marco Fioravanti e Pasqualino Piunti, ma anche dall’onorevole Lucia Albano e dai consiglieri regionali Andrea Maria Antonini e Andrea Assenti.

Una visita che, d’intesa con i responsabili tecnici dei servizi sanitari, aveva lo scopo di fotografare la situazione complessiva dei due presidi sul piano infrastrutturale nell’ottica della mutata strategia d’intervento della Regione sul tema della sanità nel Piceno.

Castelli: «Questo è solo uno dei passi necessari per portare risultati concreti in merito al piano di riordino della rete ospedaliera. Ciò presuppone un’attenzione sia verso la situazione attuale delle infrastrutture, sia per la programmazione futura, tenendo bene a mente che tutto non verrà deciso facendo calare le decisioni dall’alto, bensì sarà messo al centro l’ascolto del territorio, dei suoi amministratori e professionisti».

Baldelli: «Sulla scorta di quello che avevamo già espresso a novembre, abbiamo ribadito lo stop definitivo all’idea dell’ospedale unico per concentrare il nostro lavoro nel ridare dignità ai due ospedali esistenti. Con Castelli siamo d’accordo nel ritenere che la Sanità nel sud delle Marche meriti un’attenzione particolare, anche in ragione del fatto che rappresenta un presidio di confine, capace di registrare numeri importanti e che, per questo, necessita di infrastrutture all’altezza capaci di migliorare anche la mobilità attiva».

La Giunta sta iniziando a sviluppare le linee strategiche del nuovo piano per l’edilizia sanitaria e a questo proposito la metodologia sarà quella del confronto preventivo con i territori e non dell’imposizione dall’alto.

Nelle prossime settimane la maggioranza elaborerà le proposte anche per il futuro della sanità pubblica Picena anche con esplicito riferimento al futuro del “Mazzoni” e del “Madonna del Soccorso”.
Spazio, dunque, ad una nuova strategia comune, basata sulla collaborazione fra le due realtà sanitarie: «Ci stiamo già muovendo per finanziamenti importanti. Il primo – annuncia Baldelli –consiste in 1 milione e 700mila euro per la rimozione dell’amianto di entrambi gli ospedali.

La nostra intenzione è quella di seguire un percorso di rafforzamento delle attuali infrastrutture, perseguendo non un modello di razionalizzazione dell’offerta della salute, bensì quello di una complementarietà degli ospedali esistenti, un’integrazione reale, intelligente e funzionale agli interessi del cittadino».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X