Quantcast
facebook rss

“Premio Libero Bizzarri”
al terzo round

SANBENEDETTO - Alla 27esima Rassegna del Documentario, oggi in streaming: Lucania dentro di noi, Craj-Domani, Conversazione a Porto, The Children of the Noon, Le sfavorite-No bets on the underdogs, Herat Football Club
...

“Lucania dentro di noi”

 

Oggi, martedì 30 marzo, terza giornata di proiezioni – in sessione online – del “27° Premio Libero Bizzarri”. La visione dei documentari è in streaming (gratuito) sul portale “mymovies.it”.

“Lucania dentro di noi”

IL PROGRAMMA

Ore 15,30 – GLI OMAGGI

Lucania dentro di noi” di Libero Bizzarri (1967, 12’ 35”) Il documentario, attraverso il montaggio alternato, descrive le analogie tra i quadri di Carlo Levi e la realtà lucana: paesaggi, volti, gesti, animali.

“Craj-Domani”

Ore 16 – MEDIATECA

Craj-Domani” di Davide Marengo (2006, 80’) “Craj” film nasce ispirandosi all’opera teatral-musicale “Craj”, ideata e diretta da Teresa De Sio e scritta in collaborazione con Giovanni Lindo Ferretti, della quale ricalca la struttura principale. Il film racconta del viaggio del Principe Floridippo (Giovanni Lindo Ferretti) e del suo servo Bimbascione (Teresa De Sio) attraverso la Puglia

“Conversazione a Porto”

Ore 17,30 – EVENTI

Conversazione a Porto” di Daniele Segre (2006, 80’) Documento storico a tutti gli effetti, Conversazione a Porto riunisce due mostri sacri del cinema e della letteratura portoghese contemporanei, Manoel de Oliveira e Agustina Bessa-Luis, per un dialogo tra amici. I due, complici nel lavoro, affrontano tematiche a loro care come la memoria individuale e collet[1]tiva in quanto elemento di creazione artistica, il rapporto dinamico tra letteratura e cinema o ancora la famosa «saudade» che tanto ispira gli artisti lusitani.

“The Children of the Noon”

Ore 19 – EUROPEAN DOC

The Children of the Noon” di Olga Pohankova, Diego Fiori (Austria, Italia, Usa 2016, 58’) Il documentario affronta il tema universale della vita; lo scorrere del tempo è segnato dalle attività quotidiane di un gruppo di bambini e adolescenti accolti nella grande casa-famiglia di Nchiru, in un piccolo villaggio del Kenya. Presto emerge come la condizione di orfani e la dignitosa povertà che essi condividono non siano gli unici problemi che li accomunano e scandiscono le loro giornate. La morte improvvisa di uno di loro rompe il ritmo narrativo intrecciando una fitta trama di dolori e gioie, amicizie e speranze.

“Le sfavorite-No bets on the underdogs”

Ore 20 – CONCORSO ITALIADOC

Le sfavorite-No bets on the underdogs” di Linda Bagalini, Flavia Cellini (2020, 63’) ‘’Sei troppo mascolina’’, ‘’ti rovini il faccino’’, ‘’non è uno sport per ragazze’’: queste sono solo alcune delle tante frasi sessiste che le atlete che praticano sport, comunemente considerati maschili, si sentono dire fin dalla giovane età. “Le Sfavorite” si concentra sui pregiudizi culturali, le disuguaglianze economiche e sulla narrazione tossica intorno al mondo dello sport. Per svelare questa realtà, il documentario racconta le storie di tre donne: Katia, ex calciatrice e opinionista di calcio, Greta, allenatrice di boxe, e Giordana, atleta della nazionale di rugby.

Ore 21,15 – CONCORSO ITALIAcortoDOC

Herat Football Club” di Stefano Liberti (2017, 25’) sott.inglese. Un gruppo di ragazze ha trovato nel calcio un modo per stare insieme ed emanciparsi dal ruolo tradizionale delle donne nella società afgana. I taliban hanno provato a farle smettere, ma si sono scontrati con la determinazione delle giocatrici e dell’allenatore. La squadra di Herat è oggi una realtà di professioniste, che aspira a partecipare a competizioni femminili internazionali.

“Le sfavorite-No bets on the underdogs”

“Premio Libero Bizzarri” al secondo round


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X