facebook rss

Barca affondata: controlli
della Capitaneria di porto
sul relitto in attesa di rimozione

SAN BENEDETTO - L'incidente sabato scorso a circa 400 metri dalla costa di Porto d'Ascoli. In salvo i due diportisti partiti da Pescara

Sversamenti di idrocarburi e intralcio per chi solca il mare: queste le possibili conseguenze, dannose per l’ambiente e per il traffico marittimo, di una barca che affonda, come è accaduto sabato scorso, 10 aprile, a San Benedetto davanti alla costa della Sentina (leggi qui).

La Guardia Costiera infatti, dopo aver messo al sicuro l’equipaggio, composto da due uomini, italiani e di circa 30 anni, ha diffidato proprietario e comandante del natante alla rimozione del relitto.

Ma nel frattempo una motovedetta del Comando piceno, tutti i giorni, raggiunge il punto dell’affondamento, allo scopo di scongiurare rischi per la navigazione –  controllando i segnali posti per il riconoscimento del pericolo – e verificare l’eventuale fuoriuscita di sostanze inquinanti. 

Continuano inoltre i contatti con proprietario e comandante della barca, per restare aggiornati sulle operazioni di emersione.

Intorno alle ore 17 di sabato scorso, una barca di 14 metri, proveniente da Pescara e diretta a Porto Garibaldi, è affondata a circa 400 metri al largo di Porto d’Ascoli. Due le persone a bordo che sono riuscite a mettersi in salvo sulla scialuppa. Un  guardacoste fuori servizio dalla riva ha assistito alla scena ed ha dato l’allarme alla Capitaneria di Porto di San Benedetto, da dove è partita immediatamente la motovedetta la CP861

Nello stesso momento i naufraghi sono stati caricati a bordo di un’altra barca che transitava vicino al luogo dell’incidente e, scortati dalla motovedetta della Guardia costiera, hanno raggiunto il porto di San Benedetto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X