facebook rss

Tentato omicidio della madre:
pena confermata in Appello,
i difensori vanno in Cassazione

SAN BENEDETTO - Il fatto avvenne nel gennaio del 2018 quando Luciano Faggiano in preda ad un raptus colpì la donna con un coltello

La Corte di Appello di Ancona ha confermato la sentenza a carico del sambenedettese Luciano Faggiano accusato del tentato omicidio della madre al termine di una lite scoppiata all’interno della loro abitazione di San Benedetto nel gennaio del 2018 (leggi l’articolo).

L’avvocato Alessandro Mariani

In primo grado il giudice Rita De Angelis del Tribunale di Ascoli lo aveva condannato a tre anni e quattro mesi di reclusione al termine del processo condotto con rito abbreviato.

La difesa, rappresentata dagli avvocati Alessandro Mariani e Umberto Gramenzi, ha chiesto anche ai giudici della Corte di Appello di derubricare il reato da tentato omicidio a lesioni diminuendo così la portata del gesto del giovane.

«Faremo ricorso in Cassazione» annuncia l’avvocato Mariani.

rp

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X